Articoli

Editori e OpenAI firmano accordi per regolare il flusso di informazioni elaborate dall’Intelligenza Artificiale

Lunedì scorso, il Financial Times ha annunciato un accordo con OpenAI.

FT concede in licenza il suo giornalismo di livello mondiale per la formazione dei modelli di ChatGPT.

Axel Springer e l’Associated Press hanno già concluso accordi simili, in cui OpenAI offre milioni per il diritto di utilizzare i contenuti.

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Tuttavia, ChatGPT è stato addestrato su molti altri contenuti web-scracked per i quali OpenAI non ha pagato. Allora perché OpenAI paga per alcuni set di dati e non per altri?

Gli accordi di Licenza

Gli accordi di licenza di OpenAI sembrano inviare un messaggio chiaro: utilizzeremo comunque i tuoi contenuti, quindi firma un accordo con noi o rimarrai indietro. Il principale vantaggio di un accordo di licenza sembra essere un posto di rilievo nelle risposte di ChatGPT. Alcuni editori potrebbero anche voler consolidare un rapporto con il prossimo grande canale di distribuzione delle informazioni prima che prenda il sopravvento. Tuttavia, sembra che OpenAI utilizzi comunque molti contenuti degli editori.

Il New York Times, che viene utilizzato molto di più nel set di dati WebText di GPT-2, ha citato in giudizio OpenAI per violazione del copyright proprio su questo argomento.

Strategia

Un accordo di licenza sui contenuti con OpenAI sembra l’unico modo per gli editori di rimanere rilevanti nell’era dell’intelligenza artificiale. Nel comunicato stampa, John Ridding, CEO del Financial Times Group, afferma che questo accordo “amplierà la portata” del loro lavoro offrendo allo stesso tempo “intuizioni preliminari su come i contenuti vengono visualizzati attraverso l’intelligenza artificiale”.

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

I pareri delle aziende Tecnologiche

Gli accordi di licenza di OpenAI hanno sollevato diversi quesiti riguardo al contenuto che ChatGPT utilizza gratuitamente. Le aziende tecnologiche sostengono che l’intelligenza artificiale generativa è un “fair use” delle opere protette da copyright perché le trasforma in qualcosa di nuovo. Il mondo dell’intelligenza artificiale ha anche affermato di utilizzare un modello simile a Ricerca Google, che memorizza nella cache i contenuti protetti da copyright per creare uno strumento utile per la ricerca di informazioni. Similmente a Google, i chatbot AI hanno recentemente iniziato a includere collegamenti ipertestuali. Prima o poi, un tribunale dovrà decidere se l’intelligenza artificiale generativa è un “fair use”.

Gli autori e gli editori di libri non sono gli unici da cui OpenAI sembra prendere contenuti. Il New York Times ha recentemente riferito che OpenAI ha addestrato GPT-4 su oltre un milione di ore di video YouTube trascritti. Giorni prima della pubblicazione del rapporto, il CEO di YouTube aveva affermato che l’utilizzo dei suoi video per la formazione sull’intelligenza artificiale sarebbe una “chiara violazione” delle sue politiche.

Gli accordi di licenza dei contenuti di OpenAI confondono le acque della discussione. L’azienda utilizza in qualche modo i contenuti Internet gratuitamente, pagando anche altri per il loro lavoro. Secondo quanto riferito, altre aziende tecnologiche, come Apple, sono state più proattive nel pagare tutti i dati di formazione. Secondo quanto riferito, Adobe ha pagato $ 3 al minuto di video per addestrare il suo generatore di video AI.

Letture Correlate

BlogInnovazione.it

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Articoli recenti

Apprendimento automatico: confronto tra Random Forest e albero decisionale

Nel mondo del machine learning, sia gli algoritmi random forest che decision tree svolgono un ruolo fondamentale nella categorizzazione e…

17 Maggio 2024

Come migliorare le presentazioni Power Point, consigli utili

Esistono molti suggerimenti e trucchi per fare ottime presentazioni. L'obiettivo di queste regola è di migliorare l'efficacia, la scorrevolezza di…

16 Maggio 2024

È ancora la velocità la leva nello sviluppo dei prodotti, secondo il report di Protolabs

Pubblicato il rapporto "Protolabs Product Development Outlook". Esamina le modalità in cui oggi vengono portati i nuovi prodotti sul mercato.…

16 Maggio 2024

I quattro pilastri della Sostenibilità

Il termine sostenibilità è oramai molto usato per indicare programmi, iniziative e azioni finalizzate alla preservazione di una particolare risorsa.…

15 Maggio 2024

Come consolidare i dati in Excel

Una qualsiasi operazione aziendale produce moltissimi dati, anche in forme diverse. Inserire manualmente questi dati da un foglio Excel a…

14 Maggio 2024

Analisi trimestrale Cisco Talos: mail aziendali nel mirino dei criminali Manifatturiero, Istruzione e Sanità i settori più colpiti

La compromissione delle mail aziendali sono aumentate nei primi tre mesi del 2024 più del doppio rispetto all’ultimo trimestre del…

14 Maggio 2024

Principio di segregazione dell’interfaccia (ISP), quarto principio S.O.L.I.D.

Il principio di segregazione dell'interfaccia è uno dei cinque principi SOLID della progettazione orientata agli oggetti. Una classe dovrebbe avere…

14 Maggio 2024

Come organizzare al meglio i dati e le formule in Excel, per un’analisi ben fatta

Microsoft Excel è lo strumento di riferimento per l'analisi dei dati, perchè offre molte funzionalità per organizzare set di dati,…

14 Maggio 2024

Leggi Innovazione nella tua Lingua

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Seguici