Articoli

Il New York Times cita in giudizio OpenAI e Microsoft e chiede i danni legali ed effettivi

Il Times ha citato in giudizio OpenAI e Microsoft per aver addestrato modelli di intelligenza artificiale sul lavoro del giornale.

Il giornale chiede “miliardi di dollari di danni legali ed effettivi”, e che ChatGPT venga distrutto, insieme a qualsiasi altro grande modello linguistico, e set di formazione, che abbia utilizzato il lavoro del Times senza pagamento.

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Il New York Times è la prima grande organizzazione mediatica a citare in giudizio i creatori di ChatGPT per copyright. La sentenza potrebbe costituire un precedente per il futuro delle leggi sul fair use relative all’intelligenza artificiale. La causa sostiene che OpenAI e Microsoft hanno addestrato modelli di intelligenza artificiale sui dati protetti da copyright del New York Times. Inoltre, afferma che ChatGPT e Bing Chat spesso riproducono lunghe copie letterali degli articoli del New York Times. Ciò consente agli utenti di ChatGPT di aggirare il paywall del New York Times e la causa sostiene che l’intelligenza artificiale generativa è ora un concorrente dei giornali come fonte di informazioni affidabili. La causa del New York Times mira a ritenere le società responsabili di “miliardi di dollari in danni legali ed effettivi” e cerca la distruzione “di tutti i modelli GPT o altri LLM e set di formazione che incorporano Times Works”.

Leggi sul fair use

I tribunali alla fine dovranno decidere se l’addestramento dell’intelligenza artificiale su Internet è protetto dalle leggi sul fair use negli Stati Uniti. La dottrina del fair use consente l’uso limitato di opere protette da copyright. In determinate circostanze, come brevi frammenti di articoli nei risultati di ricerca di Google. Gli avvocati del Times affermano che l’uso di materiale protetto da copyright, da parte di ChatGPT e Bing Chat, è diverso che nei risultati di ricerca. Questo perché i motori di ricerca forniscono un collegamento ipertestuale ben visibile all’articolo dell’editore, mentre i chatbot di Microsoft e OpenAI nascondono la fonte dell’informazione.

Cosa sta facendo Apple

Secondo il New York Times, Apple ha recentemente iniziato a negoziare accordi con i principali editori di notizie. Si ritiene che questo lavoro porti Apple a utilizzare i loro contenuti nella formazione aziendale sui sistemi di intelligenza artificiale generativa. Per quanto riguarda gli annunci pubblici, Apple è rimasta indietro rispetto ai concorrenti nel campo dell’intelligenza artificiale. La capacità di Appli di eludere i principali casi di copyright che OpenAI e Microsoft stanno affrontando le darebbe una significativa possibilità di recuperare terreno. La stessa OpenAI ha recentemente raggiunto una partnership con l’editore Axel Springer per utilizzare Politico e i contenuti di altri editori nelle risposte di ChatGPT. Secondo quanto riferito, il New York Times ha contattato OpenAI per una partnership in aprile, ma non è stata raggiunta alcuna soluzione.

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Possibili effetti

L’esito di questa causa, e di altre simili a San Francisco, potrebbe avere importanti implicazioni per il futuro dell’intelligenza artificiale generativa. I primi innovatori nel campo dell’intelligenza artificiale, come Google, Adobe e Microsoft, si sono offerti di proteggere gli utenti in tribunale. Tutti gli utenti qualora si fossero trovati ad affrontare una causa sul copyright, ma queste aziende sono state accusate di violazione del copyright. La causa del New York Times aiuterà a determinare se OpenAI e il ruolo di Microsoft nella rivoluzione dell’intelligenza artificiale. Se il Times vincesse, sarebbe una grande opportunità per altri giganti della grande tecnologia come Apple e Google di andare avanti.

Letture Correlate

Ercole Palmeri

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Articoli recenti

Idea Brillante: Bandalux presenta Airpure®, la tenda che purifica l’aria

Risultato della costante innovazione tecnologica e all'impegno nei confronti dell'ambiente e del benessere delle persone. Bandalux presenta Airpure®, una tenda…

12 Aprile 2024

Design Patterns V.s. principi S.O.L.I.D., vantaggi e svantaggi

I design pattern sono soluzioni specifiche di basso livello a problemi ricorrenti nella progettazione del software. I design pattern sono…

11 Aprile 2024

Magica, l’app iOS che semplifica la vita degli automobilisti nella gestione del proprio veicolo

Magica è l'app per iPhone che rende la gestione dei veicoli semplice ed efficiente, aiutando gli automobilisti a risparmiare e…

11 Aprile 2024

Grafici di Excel, quali sono, come creare un grafico e come scegliere il grafico ottimale

Un grafico di Excel è un elemento visivo che rappresenta i dati presenti in un foglio di lavoro di Excel.…

9 Aprile 2024