Articoli

10 + 1 Criteri infallibili per valutare e quantificare il potenziale di un mercato

Se sei una piccola media impresa, e vuoi capire con i tuoi mezzi dove si trova il tuo target market potenziale per i tuoi prodotti/servizi: questo è l’articolo che fa per te.

Qui troverai i 10 semplici criteri per creare un ranking dei mercati/territori a maggior potenziale, non in valore assoluto ma calati nel contesto aziendale.

Tempo di lettura stimato: 5 minuti

Cos’è il Target Market Potenziale

Il target market potenziale è un concetto chiave nel marketing e nella gestione dei prodotti. Si riferisce al gruppo di consumatori che potrebbero essere interessati a un determinato prodotto o servizio. Questo gruppo rappresenta il segmento di mercato che l’azienda mira a raggiungere con le sue strategie di marketing.

Identificare correttamente il target market potenziale è fondamentale perché permette alle aziende di personalizzare la pubblicità e le campagne promozionali per rispondere meglio alle esigenze e ai desideri di quel particolare gruppo, aumentando così le possibilità di successo commerciale.

Il potenziale dei mercati è una funzione anche della variabile Tempo

I mercati validi oggi potrebbero essere meno interessanti domani, spesso per motivi geopolitici (vedasi i casi di Russia e Iran), per l’applicazione di restrizioni tariffarie, per l’andamento dei prezzi delle commodities etc.

A noi però interessa fornire criteri che prescindono da fattori sociali, geopolitici e macroeconomici: insomma criteri “riskless”.

“i criteri per valutare il potenziale di un mercato devono essere tra loro disgiunti, cioè non correlati”

5 criteri “esterni”

Si tratta di parametri determinati in base all’esperienza posseduta dall’azienda presidiando i mercati stessi:

  • report periodici degli intermediari presenti nel mercato (ad esempio agenti e distributori), non lasciati alla loro buona volontà ma fatti secondo criteri di utilità per l’azienda; ad esempio sviluppando punti quali l’analisi della concorrenza e della sua rete commerciale locale, l’analisi dei bisogni e delle abitudini di acquisto locali, l’analisi dei prezzi, della comunicazione necessaria etc;
  • presenza di fiere di settore, indicatore dell’importanza del territorio in quel settore e della possibilità di trovare intermediari; ad esempio la fiera Batimatec di Algeri ci conferma la grande vitalità di quel mercato nel settore delle Costruzioni (ma anche la Big 5 Dubai); la fiera Eurobike in Germania ha un senso compiuto essendo questo un territorio dove vi sono una tradizione ed un’industria enormi nel settore cycling;
  • densità di prospects presenti nel mercato; diamo per scontato – forse ottimisticamente – che l’azienda compia una regolare ricerca ed approccio ai clienti potenziali in quel mercato; le Directories di settore possono essere di grande aiuto; ad esempio per l’area DACH vi sono prestigiose directory (come la “Wer liefert was” e la VDMA) in cui sono raccolti i nominativi di moltissimi players in svariati settori industriali;
  • progetti pubblici e privati in corso o previsti nel mercato (solo ove pertinente, ad esempio infrastrutture, costruzioni, impianti, retail etc); anche qui occorre individuare locali sorgenti di informazione; ad esempio nel sito www.sauditenders.com sono indicati i progetti sauditi in molteplici settori; per il settore oil&gas si può utilizzare la directory www.gulfoilandgas.com
  • dati di consumo dei beni o servizi, reperibili gratuitamente in Directories locali di settore; ad esempio nel sito della Confederation of the European Bicycle industry www.conebi.eu c’è tutto sulla produzione e sull’utilizzo della bicicletta in Europa

5 criteri “interni”

Sono questi i parametri ricavabili da semplici azioni di ricerca di mercato e di scouting da fare in azienda utilizzando tools gratuiti, quali ad esempio:

  • dati ICE sull’export delle aziende italiane nel mercato di interesse; basta uilizzare questo link http://actea.ice.it/ e visualizzare “Dati sugli scambi di merci” (occorre registrarsi nel portale) utilizzando i codici NC8;
  • dati ICE o Eurostat sui volumi complessivi di import da parte di quel territorio; aggiungo, nel settore di pertinenza; per Eurostat basta entrare in http://ec.europa.eu/eurostat e consultare il database http://ec.europa.eu/eurostat/web/structural-business-statistics/data/database
  • dati provenienti dal mondo associativo; ad esempio Federmacchine in http://www.federmacchine.it/il-settore/ pubblica approfonditi report di svariati comparti industriali dei beni strumentali (macchinari); meglio ancora i dettagliati dati congiunturali di Federmeccanica in http://www.federmeccanica.it/centro-studi/indagine-congiunturale.html sempre per l’ambito manifatturiero;
  • white papers dei portali di Global Market Research: essi periodicamente pubblicano gratuitamente insight di settore, basta iscriversi ai portali (in gran parte a pagamento);
  • statistiche inerenti le visite al proprio sito web aziendale, al blog, alle piattaforme social (attenzione dunque a tener monitorati gli analytics);

A questi criteri va aggiunto quello del costante monitoraggio della migliore concorrenza e delle risorse da essa dispiegate nei vari mercati; è fondamentale sapere come si muove la concorrenza poiché lo farà ragionevolmente in base a validi criteri.

Naturalmente occorre costruire un documento per ciascun mercato/territorio per raggruppare i dati raccolti e tenerlo aggiornato, ad esempio un paio di volte all’anno: si raccomanda quindi la creazione di una scheda Paese (su questo argomento torneremo più avanti).

Letture Correlate

Alberto Scanziani

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.