Articoli

Formule di Excel: Cosa sono e come si usano le formule di Excel

Il termine “formule Excel” può riferirsi a qualsiasi combinazione di operatori di Excel e/o funzioni di Excel.

Una formula di Excel viene immessa in una cella del foglio di calcolo digitando il segno =, seguito dagli operatori e/o dalle funzioni richieste. Questo può essere semplice come un’aggiunta di base (ad esempio “= A1 + B1”), o potrebbe essere un complesso combinazione di operatori di Excel e più funzioni di Excel nidificate.

Operatori di Excel

Gli operatori di Excel eseguono azioni su valori numerici, testo o riferimenti di cella. Esistono quattro diversi tipi di operatori di Excel.

Questi sono:

  • Operatori aritmetici
  • Operatori di testo
  • Operatori di confronto
  • Operatori di riferimento

Andiamo a descrivere le quattro tipologie di operatori:

Operatori aritmetici

Gli operatori aritmetici di Excel e l’ordine in cui vengono valutati sono illustrati nella tabella seguente:

Precedenza degli operatori aritmetici

La tabella precedente mostra che gli operatori percentuale ed esponenziazione hanno la maggiore precedenza, seguiti dagli operatori di moltiplicazione e divisione, e quindi dall’addizione e dalla sottrazione Operatori. Pertanto, quando si valutano formule di Excel che contengono più di un aritmetica operatorio, gli operatori percentuale ed esponenziale vengono valutati per primi, seguiti dalla moltiplicazione e operatori di divisione. Infine, vengono valutati gli operatori di addizione e sottrazione.

L’ordine in cui vengono valutati gli operatori aritmetici fa una grande differenza per il risultato di una formula di Excel. Tuttavia, le parentesi possono essere utilizzate per forzare parti di una formula da valutare per prime. Se una parte di una formula è racchiusa tra parentesi, la parte tra parentesi della formula ha la precedenza su tutti gli operatori sopra elencati. Questo è illustrato nei seguenti esempi:

Esempi di operatori aritmetici
Operatore di testo di Excel

L’operatore di concatenazione di Excel (indicato dal simbolo &) unisce stringhe di testo, per creare un’ulteriore stringa di testo singola.

Esempio di operatore di concatenazione

Nella formula seguente viene utilizzato l’operatore di concatenazione per combinare le stringhe di testo “SMITH“,  e “John

Operatori di confronto di Excel

Gli operatori di confronto di Excel vengono utilizzati per definire le condizioni, ad esempio quando si utilizza la funzione IF di Excel. Questi operatori sono elencati nella tabella seguente:

Esempi di operatori di confronto

I fogli di calcolo riportati di seguito mostrano esempi degli operatori di confronto utilizzati con la funzione IF di Excel.

Operatori di riferimento

Gli operatori di riferimento di Excel vengono utilizzati quando si fa riferimento a intervalli all’interno di un foglio di calcolo. Gli operatori di riferimento sono:

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.
Esempi di operatori di riferimento

Esempio 1 – Operatore intervallo Excel

La cella C1 del foglio di calcolo seguente mostra l’operatore di intervallo, utilizzato per definire l’intervallo A1-B3. L’intervallo viene quindi fornito alla funzione SUM di Excel, che somma i valori nelle celle A1-B3 e restituisce il valore 21.

Esempio 2 – Operatore dell’unione di Excel

La cella C1 del foglio di calcolo seguente mostra l’operatore di unione, utilizzato per definire un intervallo composto da celle nei due intervalli A1-A3 e A1-B1. L’intervallo risultante viene quindi fornito alla funzione SUM di Excel, che Somma i valori nell’intervallo combinato e restituisce il valore 12.

Si noti che l’operatore di unione di Excel non restituisce una vera unione matematica, come cella A1, che è incluso in entrambi gli intervalli A1-A3 e A1-B1 viene conteggiato due volte nel calcolo della somma).

Esempio 3 – Operatore di intersezione di Excel

La cella C1 del foglio di calcolo seguente mostra l’operatore di intersezione, utilizzato per definire un intervallo creato su delle celle nell’intersezione degli intervalli A1-A3 e A1-B2. L’intervallo risultante (intervallo A1-A2) viene quindi fornito alla funzione di SUM di Excel, che Somma i valori nell’intervallo intersecante e restituisce il valore 4.

Ulteriori informazioni sugli operatori di Excel sono disponibili sul sito Web Microsoft Office.

Funzioni di Excel

Excel fornisce un gran numero di funzioni integrate che possono essere utilizzate per eseguire calcoli specifici o per restituire informazioni sui dati del foglio di calcolo. Queste funzioni sono organizzate in categorie (testo, logica, matematica, statistica, ecc.) per aiutarti a individuare la funzione che ti serve dal menu di Excel.

Qui di seguito diamo un elenco completo delle funzioni di Excel, raggruppate per categoria. Ciascuno dei link alla funzione ti porterà ad una pagina dedicata, dove troverai la descrizione della funzione, con esempi di utilizzo e dettagli sugli errori comuni.

Funzioni statistiche di Excel:
Conteggio e Frequenza
  • COUNT: restituisce il numero di valori numerici in un set di celle o valori fornito;
  • COUNTA: restituisce il numero di non spazi in un insieme di celle o valori fornito;
  • COUNTBLANK: restituisce il numero di celle vuote in un intervallo fornito;
  • COUNTIF: restituisce il numero di celle (di un intervallo fornito), che soddisfano un determinato criterio;
  • COUNTIFS: restituisce il numero di celle (di un intervallo fornito) che soddisfano una serie di criteri specificati (Nuova in Excel 2007);
  • FREQUENCY: restituisce un array che mostra il numero di valori da un array fornito, che rientrano negli intervalli specificati;
Ricerca del Massimo e Minimo
  • MAX: restituisce il valore più grande da un elenco di numeri forniti
  • MAXA: restituisce il valore più grande da un elenco di valori forniti, contando il testo e il valore logico FALSE come valore 0 e contando il valore logico TRUE come valore 1
  • MAXIFS: restituisce il valore più grande da un sottoinsieme di valori in un elenco specificato in base a uno o più criteri. (Novità da Excel 2019)
  • MIN: restituisce il valore più piccolo da un elenco di numeri forniti
  • MINA: restituisce il valore più piccolo da un elenco di valori forniti, contando il testo e il valore logico FALSO come valore 0 e contando il valore logico VERO come valore 1
  • MINIFS: restituisce il valore più piccolo da un sottoinsieme di valori in un elenco specificato in base a uno o più criteri. (Novità in Excel 2019)
  • LARGE: restituisce il Kesimo valore PIÙ GRANDE da un elenco di numeri forniti, per un dato valore K
  • SMALL: restituisce il Kesimo valore PIÙ PICCOLO da un elenco di numeri forniti, per un dato valore K
Medie
  • AVERAGE: restituisce la media di un elenco di numeri forniti
  • AVERAGEA: restituisce la media di un elenco di numeri forniti, contando il testo e il valore logico FALSE come valore 0 e contando il valore logico TRUE come valore 1
  • AVERAGEIF: calcola la media delle celle in un intervallo fornito, che soddisfano un determinato criterio (Nuovo in Excel 2007)
  • AVERAGEIFS: calcola la media delle celle in un intervallo fornito, che soddisfano più criteri (Nuova in Excel 2007)
  • MEDIAN: Restituisce la mediana (il valore medio) di un elenco di numeri forniti
  • MODE: calcola la moda (il valore più frequente) di un elenco di numeri forniti (sostituita dalla funzione Mode.Sngl in Excel 2010)
  • MODE.SNGL: calcola la moda (il valore più frequente) di un elenco di numeri forniti (Nuova in Excel 2010: sostituisce la funzione Mode)
  • MODE.MULT: Restituisce una matrice verticale dei valori più frequenti in una matrice o in un intervallo di dati (Nuova in Excel 2010)
  • GEOMEAN: Restituisce la media geometrica di un insieme di numeri forniti
  • HARMEAN: Restituisce la media armonica di un insieme di numeri forniti
  • TRIMMEAN: Restituisce la media interna di un insieme di valori fornito
Permutazioni
  • PERMUT: Restituisce il numero di permutazioni per un dato numero di oggetti
  • PERMUTATIONA: Restituisce il numero di permutazioni per un dato numero di oggetti (con ripetizioni) che possono essere selezionati dal totale degli oggetti (Nuova in Excel 2013)
Intervalli di Confidenza
  • CONFIDENCE: Restituisce l’intervallo di confidenza per una media della popolazione, utilizzando una distribuzione normale (sostituita dalla funzione Confidenza.Norm in Excel 2010)
  • CONFIDENCE.NORM: Restituisce l’intervallo di confidenza per la media della popolazione, utilizzando una distribuzione normale (Nuova in Excel 2010: sostituisce la funzione Confidenza)
  • CONFIDENCE.T: Restituisce l’intervallo di confidenza per la media della popolazione, utilizzando una distribuzione t di Student (Nuova in Excel 2010)
Percentili e Quartili
  • PERCENTILE: Restituisce il K’esimo percentile dei valori in un intervallo fornito, dove K è compreso nell’intervallo 0 – 1 (incluso) (Sostituita dalla funzione Percentile.Inc in Excel 2010)
  • PERCENTILE.INC: Restituisce il K’esimo percentile dei valori in un intervallo fornito, dove K è compreso nell’intervallo 0 – 1 (incluso) (Nuova in Excel 2010: sostituisce la funzione Percentile)
  • PERCENTILE.EXC: Restituisce il K’esimo percentile dei valori in un intervallo fornito, dove K è compreso nell’intervallo 0 – 1 (esclusivo) (Nuova in Excel 2010)
  • QUARTILE: Restituisce il quartile specificato di un insieme di numeri forniti, in base al valore percentile 0 – 1 (incluso) (Sostituita dalla funzione Quartile.Inc in Excel 2010)
  • QUARTILE.INC: Restituisce il quartile specificato di un insieme di numeri forniti, in base al valore percentile 0 – 1 (incluso) (Nuova in Excel 2010: sostituisce la funzione Quartile)
  • QUARTILE.EXC: Restituisce il quartile specificato di un insieme di numeri forniti, in base al valore percentile 0 – 1 (esclusivo) (Nuova in Excel 2010)
  • RANK: Restituisce il rango statistico di un determinato valore, all’interno di una matrice di valori fornita (sostituita dalla funzione Rango.Eq in Excel 2010)
  • RANK.EQ: Restituisce la modalità (il valore più frequente) di un elenco di numeri forniti (se più di un valore ha lo stesso rango, viene restituito il rango superiore di tale set) (Nuova in Excel 2010: sostituisce la funzione Rango)
  • RANK.AVG: Restituisce il rango statistico di un determinato valore, all’interno di una matrice di valori fornita (se più valori hanno lo stesso rango, viene restituito il rango medio) (Nuova in Excel 2010)
  • PERCENTRANK: Restituisce il rango di un valore in un set di dati, come percentuale (0 – 1 incluso) (Sostituita dalla funzione Percentrank.Inc in Excel 2010)
  • PERCENTRANK.INC: Restituisce il rango di un valore in un set di dati, come percentuale (0 – 1 compreso) (Nuova in Excel 2010: sostituisce la funzione Percentrank)
  • PERCENTRANK.EXC: Restituisce il rango di un valore in un set di dati, come percentuale (0 – 1 escluso) (Nuova in Excel 2010)
Deviazione e varianza
  • AVEDEV: Restituisce la media delle deviazioni assolute dei punti dati dalla loro media
  • DEVSQ: Restituisce la somma dei quadrati delle deviazioni di un insieme di punti dati dalla relativa media campionaria
  • STDEV: Restituisce la deviazione standard di un insieme di valori fornito (che rappresenta un campione di una popolazione) (Sostituita dalla funzione Dev.St.S in Excel 2010)
  • STDEV.S: Restituisce la deviazione standard di un insieme di valori fornito (che rappresentano un campione di una popolazione) (Nuova in Excel 2010: sostituisce la funzione DEV.ST)
  • STDEVA: Restituisce la deviazione standard di un insieme di valori fornito (che rappresenta un campione di una popolazione), contando il testo e il valore logico FALSO come valore 0 e contando il valore logico VERO come valore 1
  • STDEVP: Restituisce la deviazione standard di un insieme di valori fornito (che rappresenta un’intera popolazione) (Sostituita dalla funzione Dev.P Std in Excel 2010)
  • STDEV.P: Restituisce la deviazione standard di un insieme di valori fornito (che rappresentano un’intera popolazione) (Nuova in Excel 2010: sostituisce la funzione DEV.ST.P)
  • STDEVPA: Restituisce la deviazione standard di un insieme di valori fornito (che rappresenta un’intera popolazione), contando il testo e il valore logico FALSO come valore 0 e contando il valore logico VERO come valore 1
  • VAR: Restituisce la varianza di un insieme di valori fornito (che rappresenta un campione di una popolazione) (Sostituita dalla funzione Var.S in Excel 2010)
  • VAR.S: Restituisce la varianza di un insieme di valori fornito (che rappresenta un campione di una popolazione) (Nuova in Excel 2010 – sostituisce la funzione Var)
  • VARA: Restituisce la varianza di un insieme di valori fornito (che rappresenta un campione di una popolazione), contando il testo e il valore logico FALSO come valore 0 e contando il valore logico VERO come valore 1
  • VARP: Restituisce la varianza di un insieme di valori fornito (che rappresenta un’intera popolazione) (Sostituita dalla funzione Var.P in Excel 2010)
  • VAR.P: Restituisce la varianza di un insieme di valori fornito (che rappresenta un’intera popolazione) (Nuova in Excel 2010 – sostituisce la funzione Varp)
  • VARPA: Restituisce la varianza di un insieme di valori fornito (che rappresenta un’intera popolazione), contando il testo e il valore logico FALSO come valore 0 e contando il valore logico VERO come valore 1
  • COVAR: Restituisce la covarianza della popolazione (ovvero la media dei prodotti delle deviazioni per ciascuna coppia all’interno di due set di dati forniti) (Sostituita dalla funzione Covarianza.P in Excel 2010)
  • COVARIANZA.P: Restituisce la covarianza della popolazione (ovvero la media dei prodotti delle deviazioni per ciascuna coppia all’interno di due set di dati forniti) (Nuovo in Excel 2010: sostituisce la funzione Covar)
  • COVARIANZA.S: Restituisce la covarianza campione (ovvero la media dei prodotti delle deviazioni per ciascuna coppia all’interno di due set di dati forniti) (Nuovo in Excel 2010)
Funzioni Predittive
  • FORECAST: Prevede un punto futuro su una linea di tendenza lineare adattata a un insieme fornito di valori x e y (sostituita dalla funzione FORECAST.LINEAR in Excel 2016)
  • FORECAST.ETS: Utilizza un algoritmo di livellamento esponenziale per prevedere un valore futuro su una sequenza temporale, in base a una serie di valori esistenti (Nuovo in Excel 2016 – non disponibile in Excel 2016 per Mac)
  • FORECAST.ETS.CONFINT: Restituisce un intervallo di confidenza per un valore di previsione a una data target specificata (Nuovo in Excel 2016 – non disponibile in Excel 2016 per Mac)
  • FORECAST.ETS.SEASONALITY: Restituisce la lunghezza del modello ripetitivo rilevato da Excel per una serie temporale specificata (Nuova in Excel 2016 – non disponibile in Excel 2016 per Mac)
  • FORECAST.ETS.STAT: Restituisce un valore statistico relativo a una previsione di serie temporali (Nuova in Excel 2016 – non disponibile in Excel 2016 per Mac)
  • FORECAST.LINEAR: Prevede un punto futuro su una linea di tendenza lineare adattata a un insieme fornito di valori x e y (Nuovo in Excel 2016 (non Excel 2016 per Mac) – sostituisce la funzione Previsione)
  • INTERCEPT: Calcola la linea di regressione più adatta, attraverso una serie fornita di valori x e y e restituisce il valore in corrispondenza del quale questa linea intercetta l’asse y
  • LINEST: Restituisce informazioni statistiche che descrivono l’andamento della linea di migliore adattamento, attraverso una serie fornita di valori x e y
  • SLOPE: Restituisce la pendenza della linea di regressione lineare attraverso una serie fornita di valori xey
  • TREND: Calcola la linea di tendenza attraverso un dato insieme di valori y e restituisce valori y aggiuntivi per un insieme fornito di nuovi valori x
  • GROWTH: Restituisce i numeri in un trend di crescita esponenziale, basato su un insieme di valori x e y forniti
  • LOGEST: Restituisce i parametri di un trend esponenziale per un insieme fornito di valori xey
  • STEYX: Restituisce l’errore standard del valore y previsto per ogni x nella linea di regressione per un insieme di valori x e y forniti

Ercole Palmeri

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Articoli recenti

Come usare le visualizzazioni e il layout in PowerPoint

Microsoft PowerPoint fornisce diversi tipi di strumenti per rendere le presentazioni fruibili, interattive e adatte a diversi scopi. Gli strumenti…

20 Maggio 2024

Apprendimento automatico: confronto tra Random Forest e albero decisionale

Nel mondo del machine learning, sia gli algoritmi random forest che decision tree svolgono un ruolo fondamentale nella categorizzazione e…

17 Maggio 2024

Come migliorare le presentazioni Power Point, consigli utili

Esistono molti suggerimenti e trucchi per fare ottime presentazioni. L'obiettivo di queste regola è di migliorare l'efficacia, la scorrevolezza di…

16 Maggio 2024

È ancora la velocità la leva nello sviluppo dei prodotti, secondo il report di Protolabs

Pubblicato il rapporto "Protolabs Product Development Outlook". Esamina le modalità in cui oggi vengono portati i nuovi prodotti sul mercato.…

16 Maggio 2024

I quattro pilastri della Sostenibilità

Il termine sostenibilità è oramai molto usato per indicare programmi, iniziative e azioni finalizzate alla preservazione di una particolare risorsa.…

15 Maggio 2024

Come consolidare i dati in Excel

Una qualsiasi operazione aziendale produce moltissimi dati, anche in forme diverse. Inserire manualmente questi dati da un foglio Excel a…

14 Maggio 2024

Analisi trimestrale Cisco Talos: mail aziendali nel mirino dei criminali Manifatturiero, Istruzione e Sanità i settori più colpiti

La compromissione delle mail aziendali sono aumentate nei primi tre mesi del 2024 più del doppio rispetto all’ultimo trimestre del…

14 Maggio 2024

Principio di segregazione dell’interfaccia (ISP), quarto principio S.O.L.I.D.

Il principio di segregazione dell'interfaccia è uno dei cinque principi SOLID della progettazione orientata agli oggetti. Una classe dovrebbe avere…

14 Maggio 2024

Leggi Innovazione nella tua Lingua

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Seguici