Cos’è la consulenza strategica, breve riflessione sulla strategia

Cos’è la consulenza strategica, breve riflessione sulla strategia
Metodi

In tanti anni di consulenza mi sento spesso ripetere: “non cambiamo perché questo è ciò che ci ha reso vincenti”.

Questa memoria istituzionale dell’azienda poteva costituire un modello strategico cinquant’anni fa, ma non più oggi che i mercati si muovono a ben altre velocità e dove le strategie di marketing sono chiamate a cambiare nel giro di pochi anni.

Le attuali strategie di marketing si focalizzano, più che sulle vendite come un tempo, sul cliente e sulle sue aspettative nonché suoi suoi desideri e bisogni, espressi e latenti.

Il successo di un’azienda non si misura più in base al numero di vendite, ma alla sua capacità di creare valore nelle attività che svolge e nel network di relazioni che l’azienda crea con il proprio mercato di riferimento, soprattutto con i clienti, consentendole una conoscenza tale del cliente tale per cui il prodotto o il servizio offerto sembrino “fatti su misura”.

Consulenza strategica

In questa nuove concezione d’impresa si inserisce la consulenza strategica, come acceleratore di cambiamento e di crescita. Il consulente deve porsi il problema di come emergere dalla massa e conquistare l’attenzione del cliente. Suo obiettivo primario è la creazione di valore per l’azienda-cliente, fondato in primis su qualità e competenze ma anche sullo svincolarsi da approcci tradizionali per accoglierne di innovativi che generino visioni nuove e inesplorate.

Per questi motivi anche l’azienda stessa deve essere disposta ad accogliere il cambiamento ed essere capace di:

  • guardare oltre i problemi contingenti, aprendo la strada a innovazione e cambiamento;
  • portare non solo soluzioni veloci e concrete, ma anche originali;
  • destreggiarsi con soluzioni nuove anche in discontinuità rispetto al passato;
  • assumersi la responsabilità dei cambiamenti proposti e condividerli;
  • essere flessibile nell’interpretazione del ruolo di partner strategico e/o operativo;
  • rafforzare il rapporto di fiducia tra azienda e cliente.

 

Rebloggato da https://giulioguidi.wordpress.com

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

marketing google trends
Formazione
Come usare Google Trends per fare marketing in tempo reale

Una delle maggiori difficoltà incontrate nel 2020 dalle aziende è stato capire in quali settori merceologici diversificare il proprio business: infatti gran parte dei settori industriali ha subìto pesanti contraccolpi rendendo quasi impossibile alle aziende la loro penetrazione, soprattutto in qualità di nuovo player.   Pochissimi i settori del manifatturiero …

business intelligence strategia
Metodi
Strategie per la Business Intelligence di successo

La costruzione di una strategia di successo per la vostra Business Intelligence, parte da una corretta visione degli obiettivi.   Vediamo qui di seguito alcuni punti fondamentali.   Valutare la situazione attuale Sarebbe un grave errore sottovalutare questo aspetto. Valutare la situazione attuale vuol dire analizzare i processi, le strutture …

open closed principle
Metodi
Open / Closed, secondo principio S.O.L.I.D.

Le entità software (classi, moduli, funzioni, ecc.) Dovrebbero essere aperte per l’estensione, ma chiuse per la modifica. Progettare il software: moduli, classi e funzioni in modo tale che quando è necessaria una nuova funzionalità, non dovremmo modificare il codice esistente ma piuttosto scrivere nuovo codice che verrà utilizzato dal codice …