Se il tuo nemico diventa un alleato

anatra nemico alleato
Formazione

Due anni fa, una classe quinta di un Liceo Classico dell’Istituto di Istruzione Superiore “G. Luosi” di Mirandola (MO) mi chiamava “prof”. Per 8 mesi ho collaborato con la prof. di inglese come consulente per un laboratorio di comunicazione. “Chiamatemi pure Emanuela, non sono una docente”, ho replicato io al primo e anche al secondo “Prooof!.

Ero in una classe prevalentemente femminile, fatta eccezione per 3 ragazzi. Il primo giorno fu traumatico: avevo paura di sbagliare. Sentivo addosso il peso della responsabilità di quello che stavo divulgando e di come lo stavo facendo. Ancora di più però avevo timore di non essere all’altezza delle aspettative di quei ragazzi o peggio, di annoiarli a morte. Mai avrei pensato però di dover temere gli spiriti ribelli post adolescenziali (che adoro) e di doverli affrontare.

In breve. Non avevo fatto presa su due ragazze (probabilmente le leader del gruppo), che non perdevano occasione di intervenire con battute fuori luogo, che finivano inesorabilmente per distrarre la classe. Sarebbe stata la fine, se non avessi fatto qualcosa per stabilire una parvenza di disciplina. Per segnalare la mia autorità (ergo fare una pisciatina), ripresi una delle due. Lei arrossì: avevo minacciato la sua credibilità di fronte all’intera classe.

Potrebbe interessarti anche: Critica (s)ragionata sull’innovazione

nemico amico

Allora, vuoi l’inesperienza, vuoi la mia incapacità, non avevo altri strumenti in quel momento con cui avrei potuto difendere il mio ruolo e contenere quella spavalderia, peraltro familiare. Tornai a casa piena di sensi di colpa e di dubbi. Mi dispiacque per il mio tono di voce e per le mie parole, che ora non mi sovvengono. La volta successiva, poco prima della lezione, la chiamai da parte e mi scusai. In fin dei conti, non ero nessuno. Le spiegai però che in altri contesti, il suo atteggiamento avrebbe potuto essere controproducente o peggio, essere considerato un minus e non un plus. Mentre le parlavo, dentro di me risuonavano le parole: “Senti da quale pulpito!”. Ci fu uno sguardo di intesa e un sorriso da entrambe le parti. Avevamo capito.

Da quel momento in poi cambiò il suo atteggiamento nei miei confronti: questa ragazza era più motivata e la vedevo più coinvolta nella discussione. Partecipava ed interagiva in maniera più matura. Anche la classe mi sembrava avesse cambiato atteggiamento.

Grazie a quell’episodio, feci tesoro di una lezione: vince chi perde. O meglio, vince chi trasforma in alleato un nemico. E da allora cominciai così.

Imparai che per cambiare una situazione occorreva abbassare il megafono, staccarsi dal gruppo degli alleati e chiudere la bocca. Avvicinarsi agli antagonisti e mettersi con loro. Conquistare la loro fiducia a costo di inimicarsi gli alleati.

Ho cominciato quindi a parlare di innovazione, questione femminile, discriminazioni varie evitando la via più battuta e semplice: quella della retorica degli antagonismi. E preferire la chiave narrativa dell’ironia.

Perché l’obiettivo finale non è mai stato creare un esercito di fan, ma cambiare tutte quelle situazioni foriere di ingiustizia. E non c’è nulla di più anti-economico che mantenere uno stato di ottusa iniquità.

Ora so perché sono sempre stata una anatra selvaggia.

Emanuela Goldoni

Digital Strategist | Content Strategist at Shoobedup

CV Emanuela Goldoni

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

marketing automation
Digitale
Marketing Automation: segmentazione

Il Marketing Automation è un’azione irrinunciabile, sopratutto se gestiamo un negozio online. Inviare sempre con la stessa frequenza qualsiasi comunicazione in modo indistinto a tutti gli iscritti del tuo ecommerce, non è una buona scelta.È più opportuno segmentare l’elenco di invio, per mantenere sempre alto l’interesse dei clienti. In questo …

regressione lineare
Formazione
Classificazione degli algoritmi di Machine Learning: Regressione lineare, Classificazione e Clustering

Il Machine Learning ha grandi similitudini con l’ottimizzazione matematica, che fornisce metodi, teorie e domini di applicazione.  L’apprendimento automatico viene formulato come “problemi di minimizzazione” di una funzione di perdita (loss function) nei confronti di un determinato set di esempi (training set). Questa funzione esprime la discrepanza tra i valori …

intelligenza artificiale
Formazione
Intelligenza artificiale e sistemi cognitivi

L’intelligenza artificiale può essere vista come l’abilità di un sistema computazionale di svolgere compiti, attività e di risolvere problemi tipici della mente e dell’abilità umana.  La disciplina nasce come ramo dell’informatica, con l’obiettivo di realizzare macchine: “sia parte hardware che parte software”; in grado di agire autonomamente in tutte quelle …