DUT Call 2022 Info Day 1 (online) Information – Evento online, 20 settembre 2022

Driving Urban Transitions
Comunicati Stampa

Il 20 settembre 2022 si terrà l’Info Day relativo al primo bando congiunto del partenariato DUT – Driving Urban Transitions, nell’ambito di Horizon Europe.

In particolare, il bando ha l’obiettivo di sostenere progetti di ricerca e/o innovazione transnazionali che affrontino le sfide urbane per aiutare le città nella loro transizione verso un’economia e un funzionamento più sostenibili.

Durante l’evento verranno spiegati nel dettaglio i tre percorsi di transizione previsti dal bando, ovvero:

  • Positive Energy Districts (PED)
  • 15-Minute City (15mC)
  • Circular Urban Economies (CUE)

Verrà anche dato spazio alle domande dei partecipanti.

Per partecipare all’evento è necessario registrarsi.

partenariato DUT-Driving Urban Transitions

Il 21 settembre 2022 sarà aperto il primo bando congiunto del partenariato DUT-Driving Urban Transitions, finanziato dalla Commissione europea nell’ambito del programma di partenariato Horizon Europe.

L’obiettivo del bando è quello di sostenere progetti di ricerca e/o innovazione transnazionali che affrontino le sfide urbane per aiutare le città nella loro transizione verso un’economia e un funzionamento più sostenibili.

Le sfide sono raggruppate in tre temi chiamati percorsi di transizione:

  • Positive Energy Districts (PED)
  • 15-Minute City (15mC)
  • Circular Urban Economies (CUE)

I progetti selezionati nell’ambito di questo bando saranno finanziati direttamente dalle Agenzie di finanziamento nazionali/regionali dei seguenti Paesi: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Islanda, Italia, Lettonia, Lituania, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia e Regno Unito.

Ogni proposta deve coinvolgere almeno tre partner provenienti da tre Paesi di questo elenco e ammissibili al finanziamento da parte della rispettiva Agenzia di finanziamento nazionale/regionale.

Cos’è European Partnerships

I partenariati europei sono iniziative in cui l’Unione europea, le autorità nazionali e/o il settore privato si impegnano congiuntamente a sostenere lo sviluppo e l’attuazione di un programma di attività di ricerca e innovazione. I partner possono rappresentare l’industria, le università, le organizzazioni di ricerca, gli organismi con una missione di servizio pubblico a livello locale, regionale, nazionale o internazionale o le organizzazioni della società civile, comprese le fondazioni e le ONG.

I partenariati contribuiscono all’obiettivo dell’Unione europea di raggiungere le transizioni verde e digitale:

  • affrontando le complesse sfide delineate in Horizon Europe, come l’accelerazione delle transizioni verso una società e un’economia circolare e climaticamente neutra
  • sostenendo la realizzazione degli obiettivi prioritari dell’UE, quali il Green Deal, un’Europa pronta per l’era digitale, un’economia al servizio dei cittadini e un’Europa più forte nel mondo
  • puntando all’impatto attraverso un’ampia gamma di attività di Ricerca e Innovazione, dalla concezione alla dimostrazione e alla convalida, fino alla diffusione sul mercato
  • contribuendo a rafforzare lo Spazio europeo della ricerca (ERA) evitando la duplicazione degli sforzi, aumentando gli investimenti e stimolando le sinergie tra i programmi.
Le partnerships non sono una novità dell’attuale programmazione 2021-2027:

i partenariati di ricerca e innovazione sono stati infatti introdotti nel panorama europeo della ricerca e innovazione nel 2002 a seguito della strategia di Lisbona con l’obiettivo di sviluppare lo Spazio europeo della ricerca – European Research Area (ERA). Queste partnership sono state originariamente progettate e sono state ulteriormente sviluppate per superare la frammentazione nel panorama di R&I, evitare la duplicazione degli sforzi, affrontare le crisi economiche, aumentare la competitività e sostenere l’innovazione.

Negli ultimi anni c’è stata, tuttavia, una proliferazione di strumenti e iniziative dedicate al coordinamento, alla collaborazione e all’allineamento di strategie e programmi nazionali, poiché l’approccio è stato quello di lanciare nuovi strumenti di partnership mantenendo quelli esistenti. Questo ha portato ad un panorama piuttosto complesso di strumenti a volte sovrapposti.
Nell’ambito della pianificazione strategica di Horizon Europe, la Commissione europea ha perciò avviato un processo di revisione e razionalizzazione dei partenariati europei, con l’obiettivo di ridurre il loro numero e migliorarne l’impatto e l’efficacia.

Si è così giunti all’identificazione di 49 partenariati in Horizon Europe nel 2021-2024:

Newsletter sull’Innovazione

Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.
Loading

Puoi cancellarti in ogni momento. Leggi la nostra Privacy Policy.

Grazie a Cirium Sky sono ora disponibili i dati più accurati sulle emissioni dei voli
Comunicati Stampa
Grazie a Cirium Sky sono ora disponibili i dati più accurati sulle emissioni dei voli

I calcoli delle emissioni di CO2 di Cirium, elogiati da American Airlines e Virgin Atlantic per la loro accuratezza, sono ora disponibili in Cirium Sky Cirium Sky, il data warehouse dedicato all’aviazione, offre un accesso sicuro sul cloud ai set di dati integrati di Cirium Cirium Sky democratizza i dati …

3dz salore 3D
Comunicati Stampa
Al via da Castelfranco la quarta edizione del Salone del 3D

3DZ ospita l’evento di riferimento nazionale della stampa 3D nel nuovissimo showroom 4.0 di Castelfranco Veneto (TV). Presenti i più importanti brand mondiali del settore stampa 3D. Gianfranco Caufin: “Vogliamo far conoscere alle imprese i vantaggi di questa tecnologia”. Castelfranco Veneto capitale italiana della stampa 3D. Giovedì 29 settembre la …

notte europea dei ricercatori
Comunicati Stampa
Ricerca: ENEA alla Notte dei Ricercatori tra “magia della chimica” e “segreti della luce”

Il 30 settembre torna la Notte Europea dei Ricercatori, che dal 2005 si tiene l’ultimo venerdì di settembre in tutta l’Unione Europea con oltre un milione di visitatori ogni anno. Nell’ambito del progetto NET scieNcETogether che riunisce 11 tra i maggiori enti di ricerca e università in Italia[1], ENEA propone …