Marketing Automation: segmentazione

marketing automation
Digitale

Il Marketing Automation è un’azione irrinunciabile, sopratutto se gestiamo un negozio online.

Inviare sempre con la stessa frequenza qualsiasi comunicazione in modo indistinto a tutti gli iscritti del tuo ecommerce, non è una buona scelta.
È più opportuno segmentare l’elenco di invio, per mantenere sempre alto l’interesse dei clienti. In questo modo gli invii sono meno aggressivi e le comunicazioni di marketing sono più interessanti, diminuisci gli abbandoni e aumenti il coinvolgimento per produrre un aumento delle entrate.

L’esperienza dei clienti o dei visitatori può migliorare quando spedisci mail coinvolgenti, che siano rilevanti per comportamento di navigazione, attività di acquisto, dati demografici e/o fonti di acquisizione.

Vediamo ora alcune idee su come segmentare i clienti per l’email marketing

Segmenti basati sull’attività e sulla frequenza di acquisto.

Pensiamo a tutti i visitatori che si sono iscritti alle mailing list, ma non hanno ancora fatto il primo acquisto.
Per l’iscrizione alla mailing list, probabilmente abbiamo anche consegnato un codice sconto che non ha prodotto risultati.
Questo segmento possiamo informarlo sul marchio, possiamo promuovere i principali elementi di differenziazione dalla concorrenza, possiamo offrire degli sconti, coinvolgerli in campagne promozionali per promuovere il loro primo acquisto.

Segmenti basati sullo stato complessivo dell’account

Possiamo creare il Segmento principale, restringendo l’elenco da tutti gli abbonati a tutti gli utenti attivi. Nella maggior parte dei casi, è consigliabile inviare ai contatti che si sono impegnati negli ultimi 12 mesi.
Evita di inviare a contatti che non ti hanno sentito e che non hanno reagito agli invii, da parecchio tempo. Se non hanno cliccato o se non hanno aperto l’mail da molto tempo, dimostrano un interesse molto basso sulle tue comunicazioni.

Segmento dei clienti che hanno acquistato una sola volta, o i clienti che acquistano per la prima volta, vanno tenuti informati con una semplice serie di mail post acquisto. Ottimale ringraziarli e sviluppare la conoscenza del tuo brand. Le email dovrebbero incentivare un acquisto ripetuto fornendo consigli su come espandere la propria collezione. Se non convertono una seconda volta durante il periodo di riacquisto standard, sarebbe ottimale prendere in considerazione una campagna di winback costruita per incentivare un acquisto ripetuto.

Segmento degli acquirenti che hanno fatto più di due acquisti.
Questi sono i clienti fedeli, clienti con cui è bene mantenere la fidelizzazione mediante approfondimenti di informazioni sui loro interessi, sondaggi, cronologia degli acquisti, comportamento di navigazione per supportare un’esperienza migliore attraverso la personalizzazione.

Segmenti per acquirenti che acquistano per prodotto o categoria.
Segmenti per i tuoi prodotti chiave, per le categorie di prodotto, per il marchio dei prodotti che sono comunemente acquistati. In questo caso è bene creare messaggi che incentivano il cross-sell per promuovere accessori aggiuntivi, coordinati con i loro acquisti precedenti. Oppure possiamo promuovere prodotti specifici presenti nella categoria di interesse.

Segmenti per acquirenti per ordine medio.
Conoscere il valore medio dell’ordine è particolarmente utile se il tuo shop online offre una vasta gamma di prodotti a vari prezzi. La segmentazione basata su questi dati può aiutare a determinare le opportunità di upselling, consentendoti di inviare dettagli sui prodotti all’interno di fasce di prezzo leggermente più alte.

Segmento dei clienti migliori, clienti sopra la media.
Questi clienti possono essere raccolti per numero di ordini o per volume speso su arco temporale. Dobbiamo scrivere email per premiarli con elementi di distinzione come l’accesso anticipato alle promozioni o il lancio di nuovi prodotti . Questo segmento può variare tra il 10% e il 15% dell’elenco attivo totale.

Segmento composto da clienti che non comprano da diverso tempo.
Il tempo trascorso dall’ultimo acquisto determina le opportunità per riportare alla spesa i clienti che non comperano da un po’ di tempo. Ci si basa sull’intervallo medio di riordino della base generale di clienti.

Segmenti basati sul livello di coinvolgimento

Per gli iscritti che non aprono mai le email, possiamo fare delle campagne dedicate.
In questo modo riduciamo al minimo il livello dello sforzo e massimizziamo gli effetti, semplicemente variando l’oggetto della mail e il pre-header della mail precedentemente inviata.
È un segmento presente su ogni invio e può essere facilmente utilizzato, che se realizza entrate inferiori, produce risultati ad ogni invio che accrescono il volume delle vendite realizzate con l’email marketing.

Invia di più ai contatti altamente coinvolti per aumentare le entrate senza fatica. Invia anche a contatti meno coinvolti per ridurre i costi e favorire l’impegno e la consegna complessivi. Utilizza saggiamente entrambi i metodi.

Segmenti basati su dati demografici

Dati demografici: considera la posizione di un contatto per alcuni motivi chiave.

Conformità: il consenso, la raccolta e la conservazione dei dati, le norme sulla spedizione e le sanzioni per la violazione variano in base al Paese.
Assicurati di includere o eliminare i contatti in conformità al GDPR per l’Europa, il CASL per il Canada, il CAN-SPAM per gli Stati Uniti ed ora il CCPA per la California.
Stagionalità: Se vendi in tutta Europa le stagioni e gli interessi stagionali sono diversi da luogo a luogo. Utilizza la posizione di un contatto per pubblicare contenuti pertinenti alla stagione o al clima e agli interessi.
Opportunità nei negozi: se si dispone di una presenza diffusa di negozi fisici, utilizza la posizione di un contatto per servire la posizione del negozio più vicino al cliente o coupon per le offerte nei negozi.


La segmentazione crea un livello superiore di sofisticazione nel tuo programma di posta elettronica, contribuendo a personalizzare sia la messaggistica nelle tue e-mail sia la frequenza con cui comunichi.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

regressione lineare
Formazione
Classificazione degli algoritmi di Machine Learning: Regressione lineare, Classificazione e Clustering

Il Machine Learning ha grandi similitudini con l’ottimizzazione matematica, che fornisce metodi, teorie e domini di applicazione.  L’apprendimento automatico viene formulato come “problemi di minimizzazione” di una funzione di perdita (loss function) nei confronti di un determinato set di esempi (training set). Questa funzione esprime la discrepanza tra i valori …

intelligenza artificiale
Formazione
Intelligenza artificiale e sistemi cognitivi

L’intelligenza artificiale può essere vista come l’abilità di un sistema computazionale di svolgere compiti, attività e di risolvere problemi tipici della mente e dell’abilità umana.  La disciplina nasce come ramo dell’informatica, con l’obiettivo di realizzare macchine: “sia parte hardware che parte software”; in grado di agire autonomamente in tutte quelle …

data science e data scientist bloginnovazione
Formazione
Cos’è la Data Science e il ruolo del Data Scientist

La Data Science si riferisce al processo di estrazione di conoscenza dei dati, questo ci suggerisce Wikipedia. Si potrebbe dire che il lavoro del Data Scientist sia quello di analizzare i dati per acquisire nuove conoscenze, ispezionare e modellare i dati. Praticamente il Data Scientist esegue una Data Analysis. Vale …