L’importanza di essere i primi: Google testa controllo traffico droni

Google vuole controllare il traffico dei droni. Seguiamo la strategia dell’essere i primi e/o essere i più bravi in un nuovo mercato.

Il mercato dei droni fa gola a molti in silicon valley, un po’ meno nel vecchio continente. Google, ancora una volta, vuole essere in prima linea ma non solo, vuole essere anche il migliore player sin dall’inizio. Quindi si è mossa per testare un suo sistema di controllo del traffico aereo dei velivoli, senza pilota, in prove coordinate dalla Nasa e dall’ente americano per l’aviazione civile (Faa).

Google Controllo droni

Prima che migliaia di droni invadano i cieli per le consegne di pacchi c’è infatti bisogno di un sistema che ne controlli il traffico aereo, per assicurarsi che non avvengano collisioni. Il team di Google che lavora ai droni, Project Wing, ha messo a punto un suo sistema o lo ha testato al Virginia Tech dove la Faa ha creato un sito per testare dispositivi e tecnologie.

Nei test, riporta il sito Recode, il team di Google è riuscito a monitorare da un’unica piattaforma i percorsi di volo di più droni contemporaneamente, tre di Project Wing impegnati in consegne e due di altre compagnie che simulavano operazioni di ricerca e salvataggio. Grazie al software i droni riuscivano a controllarsi l’un l’altro senza l’intervento manuale di un operatore per evitare collisioni.

Esperimenti importanti visti gli sforzi non solo di Google ma anche di altre compagnie, Amazon in testa, per riuscire a lanciare servizi commerciali di consegne con i droni.

L’interessamento di Google al mercato dei droni, e di altri player americani, mi fa venire in mente una citazione del Prof. Romano Prodi: “le nuove caravelle della globalizzazione”. L’iNiña, l’ePinta e la Wikimaría. Il problema – dice Prodi – è che le caravelle, cioè le reti, sono tutte “americane o cinesi”

Ercole Palmeri
Temporary Innovation Manager

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

marketing automation
Digitale
Marketing Automation: segmentazione

Il Marketing Automation è un’azione irrinunciabile, sopratutto se gestiamo un negozio online. Inviare sempre con la stessa frequenza qualsiasi comunicazione in modo indistinto a tutti gli iscritti del tuo ecommerce, non è una buona scelta.È più opportuno segmentare l’elenco di invio, per mantenere sempre alto l’interesse dei clienti. In questo …

regressione lineare
Formazione
Classificazione degli algoritmi di Machine Learning: Regressione lineare, Classificazione e Clustering

Il Machine Learning ha grandi similitudini con l’ottimizzazione matematica, che fornisce metodi, teorie e domini di applicazione.  L’apprendimento automatico viene formulato come “problemi di minimizzazione” di una funzione di perdita (loss function) nei confronti di un determinato set di esempi (training set). Questa funzione esprime la discrepanza tra i valori …

intelligenza artificiale
Formazione
Intelligenza artificiale e sistemi cognitivi

L’intelligenza artificiale può essere vista come l’abilità di un sistema computazionale di svolgere compiti, attività e di risolvere problemi tipici della mente e dell’abilità umana.  La disciplina nasce come ramo dell’informatica, con l’obiettivo di realizzare macchine: “sia parte hardware che parte software”; in grado di agire autonomamente in tutte quelle …