Digitale

Come affrontare a lungo termine le modifiche dell’algoritmo di Google

Come avrai sicuramente notato, Google apporta costantemente modifiche all’algoritmo di ricerca. Quando Google implementa nuove modifiche, raramente descrivono la novità.

L’algoritmo di Google difficilmente viene esplicitato, ad esempio il twitter che annuncia l’aggiornamento dell’algoritmo è vago…

Come prima cosa vediamo come funziona Google:

Ci sono circa 200 elementi che intervengono nell’algoritmo di Google, questo per sottolineare che il SEO è complicato. Infatti, se Google avesse semplificato il SEO, vedresti le pagine dei prodotti e dei servizi comparire nella parte superiore di ogni ricerca Google, anziché le pagine ricche di contenuti.

In tutti questi anni, Google ha messo a punto un algoritmo sofisticato in grado di rendere l’esperienza di navigazione ottimale, in grado di presentare i siti con i migliori contenuti in testa, e di rendere accattivante l’investimento in pubblicità.

Nel 2017 le entrate di Google si sono attestate a $ 95 miliardi, in costante crescita anno dopo anno, e che dimostrano la bontà dell’algoritmo, che garantisce:

  • SERP con in testa i siti con i contenuti migliori
  • aziende che vogliono investire per posizionare in testa i propri prodotti in vendita
  • clienti soddisfatti di usare Google per fare ricerche online
  • ogni aggiornamento garantisce sempre un’esperienza di navigazione migliore
  • Risultati: i navigatori tornano, e Google fattura le ricerche

Se non si concentrano sull’esperienza utente e ti rendono felice, Google non sarebbe il motore di ricerca più popolare. Sarebbe Bing o qualche altro motore di ricerca.

Pertanto, quando Google apporta un cambiamento all’algoritmo, lo fanno perché hanno imparato a fornire un’esperienza migliore per te.

Google non cambia l’algoritmo solo perché vuole peggiorare la tua classifica in SERP o rovinare la tua attività.

L’algoritmo di Google non è perfetto

Come qualsiasi altra Company, Google non è perfetto. Anche i tecnici e ingegneri di Google fanno errori (lo facciamo tutti) e, a volte, i cambiamenti che vengono apportati potrebbero non fornire la migliore esperienza per te.

Quando Google pubblica nuove modifiche, potrebbe succedere che alcuni aggiustamenti non hanno funzionato nel modo desiderato, il che potrebbe indurre a tornare costantemente e apportare modifiche. Questo è il motivo per cui si possono vedere le fluttuazioni del traffico di ricerca, la cosa importante è che sul lungo termine il traffico del tuo sito tende a crescere: questo vuol dire che il tuo SEO funziona.

Potrebbe interessarti anche: Come costruire correttamente le pagine web del tuo sito, e renderlo indicizzabile dai principali motori di ricerca
Quindi, come garantisci il successo a lungo termine?
Strategia n. 1: potare e ritagliare i contenuti

Molti specialisti di marketing online dicono che ritagliare i tuoi contenuti può triplicare il tuo traffico. Praticamente aggiornare i tuoi contenuti mediocri e renderli fantastici. E per quanto riguarda il contenuto irrilevante che non è più valido, è meglio cancellarlo.

Anche se le pagine che stai eliminando riescono a malapena a ottenere traffico da Google, noterai comunque una diminuzione del traffico. Ma ricorda, le modifiche a breve termine possono aiutarti a raggiungere una crescita a lungo termine. L’unico caso in cui vedrai un aumento è il caso in cui un contenuto era pessimo, come l’eliminazione di post di blog brevi pieni di contenuti duplicati.

Anche se il tuo blog è nuovo, dovresti prendere in considerazione la potatura e il ritaglio una volta all’anno. Si accerterà che tu stia aggiornando i tuoi contenuti, fornendo così la migliore esperienza per i tuoi utenti. Ecco i passaggi ottimali per eseguire una corretta pulizia o potatura:

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.
  1. Crea un elenco di tutti gli URL sul tuo sito web: utilizzando un software come Screaming Frog. Esegui una scansione del sito Web in modo da ottenere un elenco completo di ogni URL, tag titolo, meta description, numero di collegamenti (numero di collegamenti interni che puntano all’URL) e il conteggio delle parole.
  2. Traffico per pagina: accedi all’account Google Analytics e  verifica il volume di traffico generato da ogni URL.
  3. Verifica i backlinks per pagina – verifica ciascun URL, inserendo l’indirizzo in un utility come Ahrefs per vedere quanti backlink hanno ciascun URL.
  4. Condivisioni social per ogni URL: utilizza uno strumento come SharedCount per avere le condivisioni social totali per URL.
Potrebbe interessarti anche: SEO: posizionamento gratuito o campagne a pagamento

I quattro punti sopra descritti, devono aiutarti a capire cosa fare per ogni URL/pagina: ottimizzazione, cancellazione, reindirizzamento e niente. Quindi, costruendo un foglio di lavoro dove per ogni riga c’è un URL, i corrispondenza di ognuno di essi indica cosa fare.

Una volta completato il foglio di lavoro, è necessario rivedere manualmente ciascun URL e selezionare una delle 4 opzioni sopra. Ecco quando selezionarli:

  • Ottimizza: se la pagina è popolare, ha backlink, traffico e condivisioni social, considera l’ottimizzazione. Ciò potrebbe comportare l’aggiunta di ulteriori collegamenti interni alla pagina, l’aggiornamento del contenuto o anche l’ottimizzazione del codice on-page.
  • Elimina: se la pagina ha poco o nessun traffico di ricerca, backlink, condivisioni social e non fornisce alcun valore all’utente, considera l’eliminazione. Quando si esegue questa operazione, si desidera aggiornare i collegamenti interni che puntavano a questo URL e, naturalmente, prendere questo URL e 301 reindirizzare la pagina più pertinente.
  • Reindirizzamento: se la pagina è molto simile a un’altra pagina del tuo sito, considera di unire il contenuto e 301 reindirizzare l’URL a quello simile. Ti consigliamo di prendere la versione meno diffusa e reindirizzare quella più popolare. Un buon esempio di ciò è che se si dispone di due post sul blog sugli strumenti di social media marketing, è necessario combinare il contenuto, creare un reindirizzamento 301 e regolare i collegamenti interni per puntare all’URL finale.
  • Niente – se la pagina va bene e non c’è niente di sbagliato in essa, non fare nulla.
Strategia n. 2: espansione a livello internazionale

Ci sono più di 7 miliardi di persone sulla terra, e la maggior parte di loro non parla inglese. Sì, Google è difficile da conquistare, ma non in paesi che non parlano inglese. In paesi come Francia, Germania, Brasile o qualsiasi altro paese in cui l’inglese non è la lingua principale: è molto più facile arrivare in cima a Google.

Certo, il volume di ricerca potrebbe non essere così alto in paesi come il Brasile, ma visto che la concorrenza è bassa, puoi dominare velocemente.

I migliori paesi, quando si tratta di SEO, sono quelli che hanno un alto PIL e una grande popolazione.

La parte interessante del SEO internazionale è che crea anche un’esperienza utente migliore per i tuoi utenti in quanto saranno in grado di leggere i tuoi contenuti nella loro lingua madre.

Potrebbe interessarti anche: Come usare Google Analytics per potenziare le vendite del tuo e-commerce
Strategia n. 3: correzione di collegamenti interrotti, immagini e file multimediali

Nel tuo sito devi eliminare tutti i link che portano a una pagina che non esiste, diversamente potresti fornire un’esperienza di visita pessima. Cosa succede se mentre visiti un blog, un forum, o un eshop: sei certo di aver trovato l’informazione che ti serve cliccando su un link o un filmato, e il link porta a una pagina errata ? Ti potresti arrabbiare ? e non tornare più su quel sito. Vuoi che succeda anche sul tuo sito ?

Ecco perché è necessario correggere collegamenti interrotti, immagini rotte e file multimediali danneggiati sul tuo sito web.

Non devi farlo ogni mese, ma dovresti farlo una volta al trimestre. Puoi anche usare strumenti come Broken Link Check per rendere le cose un po ‘più facili per te.

In poche parole

Se vuoi fare in modo che il tuo sito si adatti bene agli aggiornamenti dell’algoritmo di Google, devi applicarti costantemente sul tuo sito web o sui siti web dei tuoi clienti. Fai ciò che è meglio e non dovrai affrontare le mutazioni dell’algoritmo di Google.

Diversamente, risparmierai tempo a breve termine, ma a lungo andare rischierai di perdere posizioni nella classifica dei risultati di ricerca.

Non prestare troppa attenzione agli aggiornamenti dell’algoritmo, e concentrati per produrre un’esperienza utente straordinaria. Questo è ciò che ti farà vincere nel lungo periodo. Ci saranno momenti in cui il traffico diminuirà, ma non ti devi preoccupare, con il lavoro costante otterrai ottimi risultati.

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Articoli recenti

Apprendimento automatico: confronto tra Random Forest e albero decisionale

Nel mondo del machine learning, sia gli algoritmi random forest che decision tree svolgono un ruolo fondamentale nella categorizzazione e…

17 Maggio 2024

Come migliorare le presentazioni Power Point, consigli utili

Esistono molti suggerimenti e trucchi per fare ottime presentazioni. L'obiettivo di queste regola è di migliorare l'efficacia, la scorrevolezza di…

16 Maggio 2024

È ancora la velocità la leva nello sviluppo dei prodotti, secondo il report di Protolabs

Pubblicato il rapporto "Protolabs Product Development Outlook". Esamina le modalità in cui oggi vengono portati i nuovi prodotti sul mercato.…

16 Maggio 2024

I quattro pilastri della Sostenibilità

Il termine sostenibilità è oramai molto usato per indicare programmi, iniziative e azioni finalizzate alla preservazione di una particolare risorsa.…

15 Maggio 2024

Come consolidare i dati in Excel

Una qualsiasi operazione aziendale produce moltissimi dati, anche in forme diverse. Inserire manualmente questi dati da un foglio Excel a…

14 Maggio 2024

Analisi trimestrale Cisco Talos: mail aziendali nel mirino dei criminali Manifatturiero, Istruzione e Sanità i settori più colpiti

La compromissione delle mail aziendali sono aumentate nei primi tre mesi del 2024 più del doppio rispetto all’ultimo trimestre del…

14 Maggio 2024

Principio di segregazione dell’interfaccia (ISP), quarto principio S.O.L.I.D.

Il principio di segregazione dell'interfaccia è uno dei cinque principi SOLID della progettazione orientata agli oggetti. Una classe dovrebbe avere…

14 Maggio 2024

Come organizzare al meglio i dati e le formule in Excel, per un’analisi ben fatta

Microsoft Excel è lo strumento di riferimento per l'analisi dei dati, perchè offre molte funzionalità per organizzare set di dati,…

14 Maggio 2024

Leggi Innovazione nella tua Lingua

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Seguici