Lo scarico del ventricolo sinistro con Impella per 30 minuti prima di un PCI è associato a dimensioni ridotte dell’infarto nei pazienti STEMI

stemi dtu logo

BOSTON–(BUSINESS WIRE)–I risultati di una nuova analisi per protocollo dei dati dello studio pilota ST-segment Elevation Myocardial Infarction Door-To-Unload (STEMI DTU) mostrano una dimensione significativamente ridotta dell’infarto nei pazienti sottoposti a scarico del ventricolo sinistro (VS) con Impella CP. Per 30 minuti prima di un intervento coronarico percutaneo (PCI) rispetto ai pazienti sottoposti a scarico VS immediatamente seguito da PCI. I dati sono stati presentati oggi nel corso della 2022 Transcatheter Cardiovascular Therapeutics (TCT) conference di Boston dal Dr. Navin K. Kapur, direttore esecutivo del Cardiovascular Center for Research and Innovation (CVCRI) del Tufts Medical Center nonché ricercatore principale dello studio pivot randomizzato e controllato STEMI DTU.

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l’unico giuridicamente valido.

Contatti

Referente media:

Referente investitori:

  • Todd Trapp
  • Executive Vice President and Chief Financial Officer
  • +1 (978) 646-1680
  • ttrapp@abiomed.com

Qual è la logica della sperimentazione pilota STEMI DTU? (dalla Redazione)
Il Pensatore
Proviamo a chiarire

Nonostante una significativa diminuzione della mortalità dovuta a infarto miocardico acuto (IMA) dal 1960, c’è stato un parallelo aumento dell’incidenza di insufficienza cardiaca. L’analisi a livello di paziente aggregata da 10 studi randomizzati ha mostrato che la dimensione dell’infarto è fortemente associata alla mortalità, e ricovero per insufficienza cardiaca durante il follow-up a 1 anno (Figura 1). Pertanto, vi è un’importante necessità clinica di interventi che possano ridurre il danno miocardico durante l’infarto del miocardio.

analisi a livello di paziente aggregata da 10 studi randomizzati ha mostrato che la dimensione dell'infarto dopo infarto di infarto miocardico acuto è fortemente associata alla mortalità e ricovero per insufficienza cardiaca durante il follow-up a 1 anno (Figura 1)

Braunwald et al. nel 1971 suggerì “che le misure progettate per la riduzione della richiesta di ossigeno del miocardio e il miglioramento della perfusione coronarica, se attuate tempestivamente, potrebbero ridurre la dimensione finale di un infarto (del miocardio)”. Dal 1978, numerosi studi preclinici hanno verificato se la riduzione del consumo di ossigeno del miocardio di l’implementazione di una pompa circolatoria limita il danno miocardico nell’IMA. Gli studi che hanno testato lo scarico meccanico utilizzando dispositivi meccanici hanno dimostrato che lo scarico prima, non dopo la riperfusione, è necessario per ridurre le dimensioni dell’infarto.

Recentemente

studi preclinici hanno fornito approfondimenti sui meccanismi attraverso i quali lo scarico del ventricolo sinistro da parte della pompa cardiaca Impella® limita il danno miocardico.

Nel 2015, utilizzando un modello suino di AMI, Kapur et al. hanno dimostrato che prima scaricare il ventricolo sinistro utilizzando Impella CP® e poi ritardare la riperfusione per 60 minuti. Si è verificato che hanno comportato una riduzione dello stress parietale medio del ventricolo sinistro e del picco di stress parietale rispetto alla riperfusione immediata. In effetti, l’entità della riduzione dello stress della parete era direttamente correlata all’entità dell’infarto riduzione delle dimensioni. Inoltre, lo studio ha dimostrato che lo scarico del ventricolo sinistro con riperfusione ritardata ha attivato un sistema di segnalazione cardioprotettiva che ha ridotto la morte cellulare e ha comportato una riduzione delle dimensioni dell’infarto miocardico del 43%.

Sole et al. ha esplorato gli effetti della pompa cardiaca Impella LD® impiantata chirurgicamente sul rimodellamento e sulla funzionalità del ventricolo sinistro a 1 mese dall’infarto in un modello suino. Lo scarico del ventricolo sinistro, con Impella LD, è stato avviato 30 minuti prima della riperfusione e il supporto è stato mantenuto fino a 120 minuti dopo la riperfusione. Lo scarico del ventricolo sinistro ha comportato una pressione ventricolare sinistra e uno stress di parete inferiori e una pressione arteriosa media e una gittata cardiaca più elevate. È importante sottolineare che al follow-up di 1 mese, la dimensione dell’infarto nei suini scaricati LV è stata ridotta del 50%. Sulla base di questi risultati, gli autori hanno concluso che l’assistenza precoce con Impella LD nell’IMA ha limitato il rimodellamento del ventricolo sinistro, migliorando così la prognosi.

Redazione BlogInnovazione.it

Newsletter sull’Innovazione

Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.
Loading

Puoi cancellarti in ogni momento. Leggi la nostra Privacy Policy.