Metaverso

Sì: online siamo meno onesti e più aggressivi. E nel metaverso andrà peggio

Una ricerca di IIT in collaborazione con La Sapienza dimostra che meno ci sentiamo rappresentati dai nostri avatar, più siamo disposti a fare scelte moralmente discutibili

Su Internet siamo abituati a comportarci peggio che nel mondo reale, a scrivere cose che non diremmo mai, pure a mentire e magari a fingerci chi non siamo: non è una novità, è così più o meno da sempre, ancora di più dall’arrivo di Facebook e degli altri social network. L’espressione leone da tastiera è stata creata proprio per descrivere questo tipo di atteggiamenti.

La novità è che nel metaverso, e in generale nei mondi virtuali, la situazione non solo non migliorerà ma probabilmente peggiorerà, a meno di non prendere alcune contromisure. Che è una cosa che un po’ si poteva immaginare, ma che ora è dimostrata da uno studio condotto dall’Istituto italiano di Tecnologia in collaborazione con l’Università Sapienza e la Fondazione Santa Lucia, i cui risultati sono stati pubblicati su iScience (qui).

Più disonesti nel metaverso

Per capirlo, il team di ricerca Neuroscience & Society di IIT, guidato da Salvatore Maria Aglioti, ha condotto un esperimento semplice ma significativo: ha sviluppato un videogame in ambiente virtuale in cui i vari partecipanti dovevano sfidarsi a coppie in una partita a carte per vincere denaro reale. Secondo il regolamento, il primo giocatore doveva pescare una tra due carte coperte, sapendo che una determinava la vittoria e l’altra la sconfitta. Il punto è che la carta pescata veniva però mostrata solo al secondo giocatore (al suo avatar, cioè), che poteva eventualmente decidere di mentire e favorire se stesso, consapevole del fatto che nessuno lo avrebbe scoperto se avesse deciso di barare.

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

L’altro punto determinante è che il secondo giocatore portava avanti il gioco a diversi livelli di immedesimazione con l’avatar da lui controllato, che di volta in volta era via via più realistico: l’idea era di variare il cosiddetto senso di appartenenza del corpo (in inglese, sense of body ownership), creando un legame più o meno forte con la versione virtuale di sé, per capire se questo influenzasse le scelte. Cosa che in effetti è successa: da quel che è emerso, la diminuzione del senso di appartenenza del corpo è associato a scelte più egoistiche e scorrette, che aumentano con il crescere della posta in gioco. In parole povere: meno il nostro avatar è realistico, meno ci sentiamo rappresentati da lui e più siamo disposti a fare scelte moralmente discutibili.

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Articoli recenti

Come usare le visualizzazioni e il layout in PowerPoint

Microsoft PowerPoint fornisce diversi tipi di strumenti per rendere le presentazioni fruibili, interattive e adatte a diversi scopi. Gli strumenti…

20 Maggio 2024

Apprendimento automatico: confronto tra Random Forest e albero decisionale

Nel mondo del machine learning, sia gli algoritmi random forest che decision tree svolgono un ruolo fondamentale nella categorizzazione e…

17 Maggio 2024

Come migliorare le presentazioni Power Point, consigli utili

Esistono molti suggerimenti e trucchi per fare ottime presentazioni. L'obiettivo di queste regola è di migliorare l'efficacia, la scorrevolezza di…

16 Maggio 2024

È ancora la velocità la leva nello sviluppo dei prodotti, secondo il report di Protolabs

Pubblicato il rapporto "Protolabs Product Development Outlook". Esamina le modalità in cui oggi vengono portati i nuovi prodotti sul mercato.…

16 Maggio 2024

I quattro pilastri della Sostenibilità

Il termine sostenibilità è oramai molto usato per indicare programmi, iniziative e azioni finalizzate alla preservazione di una particolare risorsa.…

15 Maggio 2024

Come consolidare i dati in Excel

Una qualsiasi operazione aziendale produce moltissimi dati, anche in forme diverse. Inserire manualmente questi dati da un foglio Excel a…

14 Maggio 2024

Analisi trimestrale Cisco Talos: mail aziendali nel mirino dei criminali Manifatturiero, Istruzione e Sanità i settori più colpiti

La compromissione delle mail aziendali sono aumentate nei primi tre mesi del 2024 più del doppio rispetto all’ultimo trimestre del…

14 Maggio 2024

Principio di segregazione dell’interfaccia (ISP), quarto principio S.O.L.I.D.

Il principio di segregazione dell'interfaccia è uno dei cinque principi SOLID della progettazione orientata agli oggetti. Una classe dovrebbe avere…

14 Maggio 2024

Leggi Innovazione nella tua Lingua

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Seguici