Come un progetto NFT virale è sopravvissuto al crash delle criptovalute

hyperloot nft

Loot è stato tra i primi progetti NFT intorno al quale si era formata una comunità energica. Una serie di brevi descrizioni testuali di oggetti di genere fantasy come spade e amuleti, Loot ha catturato l’immaginazione di costruttori e speculatori.

Lecito chiedersi come gli NFT sottostanti potessero un giorno servire come base per romanzi, film, videogiochi e altro ancora. Un progetto artistico open source che potrebbe alla fine diventare la base di un universo cinematografico Marvel dal sapore criptato.

L’ideatore di Loot, Dom Hofmann, noto come co-fondatore dei video Vine e dell’idiosincratico social network Peach. Era un progetto artistico più che una startup: Hofmann ha reso disponibili gratuitamente 7.777 “borse” loot a chiunque pagasse le commissioni di transazione necessarie per coniarle su Ethereum. E il progetto è esploso dall’oggi al domani: cinque giorni dopo il lancio, ha riferito Coindesk, le borse loot avevano generato vendite per 46 milioni di dollari e avevano una capitalizzazione di mercato di 180 milioni di dollari.

Naturalmente, a quei tempi molti NFT venivano venduti a cifre strabilianti. Ciò che ha fatto risaltare Loot è stato il modo in cui una comunità di costruttori si è fatta avanti quasi immediatamente per iniziare a costruire un ecosistema: creare arte per gli oggetti contenuti nelle borse; formare gilde per persone che possedevano gli stessi oggetti “rari”; e scrivere contratti intelligenti per consentire alle persone di scambiare gli articoli detenuti nei loro NFT.

Interessante e Ambizioso

Il sogno era che tutto questo si sarebbe evoluto in grande. Ma il 2022 è stato catastrofico per il più ampio mercato NFT, spazzando via la maggior parte del valore nominale anche per le collezioni più ricche. Ma cosa aveva contribuito a rendere Loot un progetto molto virale, con alte aspettative di successo ?

Lo sviluppo di Loot continua, anche se la mania speculativa intorno a Loot si è raffreddata. La capitalizzazione di mercato del progetto è scesa a poco meno di $ 6 milioni.

Quindi cosa stanno costruendo gli sviluppatori ?

HyperLoot, dove gli account di Loot possono accedere con i loro portafogli crittografici e HyperLoot genera un’immagine di tutto ciò che è nella loro Bag (portafoglio) sul corpo di un avventuriero digitale. Immagine che potrebbe fungere da immagine del profilo, la base per un romanzo, un personaggio in un gioco e così via.

HyperLoot sta costruendo un kit di sviluppo software che consentirà alle persone di creare. Inolte la società sta costruendo il proprio videogioco, CCO Wars, cioè un gioco di combattimento in stile Super Smash Bros., popolato da personaggi NFT di pubblico dominio.

La prima ondata di clamore attorno al progetto non è stata così utile come ci si poteva immaginare. Il progetto era di pubblico dominio, nei primi tempi era un intrattenimento gratuito per persone che creavano cloni e altri progetti associati. Ci è voluto un po’ prima che l’hype si placasse e i progetti migliori acquisissero notorietà e importanza.

Inoltre, i più entusiasti probabilmente avevano sottovalutato le difficoltà per i progetti di pubblico dominio unirsi e fondersi.

All’apice della notorietà di Loot, molte persone hanno scritto diversi post su come Loot potrebbe costituire la base di un videogioco.


Uno degli aspetti degli NFT è la “componibilità”, l’idea che le applicazioni blockchain siano modulari e possano essere unite insieme come i Lego. Nelle settimane successive al lancio di Loot, alcuni sviluppatori hanno “composto” vari elementi secondari come composizione di altri.

Il risultato fu una specie di mostro, più insignificante rispetto le parti che lo componevano.

Un progetto molto vicino a Hyperloot è Corruptions (sempre di Hofmann). Gioco di ruolo che si svolge interamente sulla blockchain – non ha nemmeno un sito web – dove i giocatori proprietari di NFT, giocano interagendo con Discord. Tra le caratteristiche più stravaganti del gioco c’è il CPC, o “community-playable character”, le cui azioni vengono messe sotto giudizio e voto dalla comunità.

In tutti i casi, pur essendo pochi gli account che continuano a interagire in Loot, c’è da notare che la loro attività è incessante e produttiva. Continuano a lavorare per creare qualcosa dall’NFT e dalle sue strane proprietà.

Tra un anno probabilmente ci sarà una narrativa legata a Loot, forse i primi videogiochi. E mentre altri progetti CC0 entrano nel pubblico dominio, probabilmente continueranno a concorrere con Loot in modi nuovi e sorprendenti.

Ercole Palmeri: Innovation addicted

​  

Newsletter sull’Innovazione

Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.
Loading

Puoi cancellarti in ogni momento. Leggi la nostra Privacy Policy.