Arte, intelligenza artificiale e futuro della disabilità. 30 novembre 2022 10:00 – 11:00 PST

intelligenza artificiale arte
Comunicati Stampa
Arte, intelligenza artificiale e futuro della disabilità. 30 novembre 2022 10:00 – 11:00 PST

In questo seminario HAI, Lindsey D. Felt parlerà di innovazione al servizio della disabilità, dell’arte e di problematiche legate allo sviluppo dell’IA e della tecnologia.

Dalla memoria protesica di M Eifler al Sensorium Ex di Paola Prestini, questi esempi di arte dell’IA evidenziano le cancellazioni della disabilità dai dati di allenamento e rifiutano l’ottimizzazione dell’IA contro la disabilità. Storicamente, le tecnologie sono state progettate per diagnosticare, riabilitare, normalizzare e persino curare le disabilità. Sebbene questo approccio abbia probabilmente migliorato la qualità della vita di molte persone disabili, codifica la disabilità come un tratto “indesiderabile” e “anomalo”, operando sulla falsa premessa di una “norma” che non riflette l’eterogeneità della condizione umana. 

I ricercatori hanno dimostrato come gli strumenti di apprendimento automatico rispecchino questo percorso, dai veicoli autonomi che non riconoscono gli utenti su sedia a rotelle, ai modelli di Natural Language Processing che classificano i testi che menzionano la disabilità come più “tossici”. Questi pregiudizi sono ugualmente importanti da considerare insieme alle disuguaglianze razziali e di genere per le loro implicazioni sociali ad ampio raggio.

Prosthetic Memory

In una conversazione con l’artista-tecnologo M Eifler, Felt discuterà degli approcci all’arte dell’IA incentrata sull’uomo progettati per la cura di sé, l’aiuto reciproco e la costruzione del mondo informata sulla giustizia sociale. Prenderemo in considerazione Prosthetic Memory, una banca di memoria digitale creata da Eifler che utilizza l’apprendimento automatico per recuperare video autoregistrati affinché l’artista possa navigare nella disregolazione della memoria. Sensorium Ex, un’opera sperimentale di intelligenza artificiale che introduce una nuova voce composita da un algoritmo addestrato su modelli vocali non normativi, modella in modo simile le possibilità di un’IA non abilista. Questi lavori riflettono il desiderio di ciò che la studiosa Alison Kafer chiama “futuro crip”, un futuro in cui le esperienze, le pratiche, le storie e le modalità di conoscenza delle persone disabili sono valorizzate.

Per registrarti al seminario, clicca qui

Redazione BlogInnovazione.it

 

Arte, intelligenza artificiale e futuro della disabilità. 30 novembre 2022 10:00 – 11:00 PST

Newsletter sull’Innovazione

Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.
Loading

Puoi cancellarti in ogni momento. Leggi la nostra Privacy Policy.

unicerca università
Comunicati Stampa
Il supercalcolo per le sfide del futuro

Dalla space economy al clima, dalla fisica fondamentale alle smart city, dall’astrofisica all’ambiente, dall’ingegneria alle scienze molecolari, dalla medicina omica e in-silico al calcolo quantistico: sono questi i settori strategici a servizio dei quali opererà il Centro Nazionale di Ricerca in High Performance Computing, Big Data e Quantum Computing. Oltre …

associazione italiana per la ricerca industriale
Comunicati Stampa
Giornata Airi per l’Innovazione Industriale 2022

Il trenta novembre 2022, a Roma si terrà la giornata per l’innovazione industriale, organizzata da associazione italiana per la ricerca industriale. Dalle ore 10 alkle ore 13 presso Unioncamere (Sala Longhi) Piazza Sallustio, Roma La presidente del Cnr Maria Chiara Carrozza partecipa ai lavori della della Giornata Airi per l’Innovazione …

entanglement
Comunicati Stampa
Dimostrata la correlazione di spin tra elettroni accoppiati

​L’entanglement tra due particelle fa parte di quei fenomeni della fisica quantistica che difficilmente si conciliano con le esperienze quotidiane. Se due particelle sono entangled (si potrebbe dire ‘intrecciate’), alcune loro proprietà restano strettamente legate, anche quando le particelle sono molto distanti. Albert Einstein ha descritto l’entanglement come “un a inquietante azione …