Comunicati Stampa

L’aumento della domanda interna e la crescita dell’export guidano la crescita del settore manifatturiero italiano: il nuovo report Protolabs

Presentata oggi l’ultima indagine di Protolabs sull’industria manifatturiera italiana.

La forte domanda rappresentata dal mercato interno e l’aumento dell’export stanno consolidando la crescita, anche grazie ai continui progressi tecnologici e all’evoluzione delle preferenze dei consumatori.

Presentata oggi l’ultima indagine di Protolabs sull’industria manifatturiera italiana: la forte domanda rappresentata dal mercato interno e l’aumento dell’export stanno consolidando la crescita, anche grazie ai continui progressi tecnologici e all’evoluzione delle preferenze dei consumatori.

Risultati in Sintesi

I produttori italiani mostrano un approccio ibrido all’innovazione, che combina la creazione di nuovi prodotti e servizi con strategie di riduzione dei costi: il 68% degli intervistati in Italia adotta entrambe le strategie per innovare, sottolineando l’adattabilità e l’agilità del settore nell’affrontare sfide complesse.

Quasi la metà (49%) degli intervistati individua nella stretta collaborazione con i clienti il proprio punto di forza principale, la risposta più alta tra i paesi europei intervistati. Questa collaborazione si riflette anche nella convinzione che una visione e obiettivi condivisi (48%) siano parte integrante di un’innovazione di successo, in netto contrasto con Francia (27%), Germania (28%) e Svezia (27%).

A differenza di molte altre aziende europee, i produttori italiani non considerano la carenza di competenze come il principale ostacolo all’innovazione: solo il 34% la cita come ostacolo principale, contro il 44% e il 43% rispettivamente di Germania e Francia.
Il 42% considera invece i vincoli di budget e di risorse come la principale preoccupazione.
In contrasto con la prospettiva britannica di istituire una settimana lavorativa di quattro giorni in loco, l’Italia si allinea alla Germania (62%) con il 60% degli intervistati che ritiene che una settimana lavorativa di cinque giorni sia ottimale per la generazione di idee e la risoluzione dei problemi; nonostante il 60% degli intervistati ritiene che un maggior grado di flessibilità lavorativa sia positivo per la capacità di innovazione della propria azienda.

Creatività umana e adozione della tecnologia

Il settore manifatturiero italiano dà molta importanza alla creatività umana, con il 57% che ritiene che la necessità di creatività sia talvolta messa in ombra dall’entusiasmo per le nuove tecnologie come l’IA – la risposta più alta tra i paesi europei intervistati. L’apprezzamento per le capacità umane si riflette ulteriormente nell’adozione limitata dei cobot, con il 40% degli intervistati che non lavora con i cobot e il 48% che ritiene che i cobot abbiano una velocità di lavoro inferiore a quella umana.

Il report prosegue analizzando gli impatti della pandemia sull’industria manifatturiera. Più della metà (52%) degli intervistati ritiene che la pandemia abbia sostenuto l’innovazione e stimolato il cambiamento.
Un dato particolarmente interessante emerge per quanto riguarda la supply-chain: 55% dei produttori italiani dà la priorità al friend-shoring per la ristrutturazione della catena di approvvigionamento.

Matteo Carola, Country Manager per l’Italia di Protolabs commenta: “I trend di innovazione del settore manifatturiero italiano emersi dalla nostra indagine dimostrano la capacità di combinare tradizione e modernizzazione. Sebbene i vincoli di budget e la cautela nello sperimentare possano rappresentare un ostacolo, l’enfasi posta dall’Italia sulla creatività umana e sulla flessibilità del lavoro rappresentano dei punti di forza unici di buon auspicio per la continua presenza dell’Italia nel panorama manifatturiero mondiale”

Approccio Ibrido all’Innovazione

I produttori italiani mostrano un approccio ibrido all’innovazione, che combina la creazione di nuovi prodotti e servizi con strategie di riduzione dei costi: il 68% degli intervistati in Italia adotta entrambe le strategie per innovare, sottolineando l’adattabilità e l’agilità del settore nell’affrontare sfide complesse.

Quasi la metà (49%) degli intervistati individua nella stretta collaborazione con i clienti il proprio punto di forza principale, la risposta più alta tra i paesi europei intervistati. Questa collaborazione si riflette anche nella convinzione che una visione e obiettivi condivisi (48%) siano parte integrante di un’innovazione di successo, in netto contrasto con Francia (27%), Germania (28%) e Svezia (27%).

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

A differenza di molte altre aziende europee, i produttori italiani non considerano la carenza di competenze come il principale ostacolo all’innovazione: solo il 34% la cita come ostacolo principale, contro il 44% e il 43% rispettivamente di Germania e Francia.
Il 42% considera invece i vincoli di budget e di risorse come la principale preoccupazione.
In contrasto con la prospettiva britannica di istituire una settimana lavorativa di quattro giorni in loco, l’Italia si allinea alla Germania (62%) con il 60% degli intervistati che ritiene che una settimana lavorativa di cinque giorni sia ottimale per la generazione di idee e la risoluzione dei problemi; nonostante il 60% degli intervistati ritiene che un maggior grado di flessibilità lavorativa sia positivo per la capacità di innovazione della propria azienda.

Creatività umana e adozione della tecnologia

Il settore manifatturiero italiano dà molta importanza alla creatività umana, con il 57% che ritiene che la necessità di creatività sia talvolta messa in ombra dall’entusiasmo per le nuove tecnologie come l’IA – la risposta più alta tra i paesi europei intervistati. L’apprezzamento per le capacità umane si riflette ulteriormente nell’adozione limitata dei cobot, con il 40% degli intervistati che non lavora con i cobot e il 48% che ritiene che i cobot abbiano una velocità di lavoro inferiore a quella umana.

Il report prosegue analizzando gli impatti della pandemia sull’industria manifatturiera. Più della metà (52%) degli intervistati ritiene che la pandemia abbia sostenuto l’innovazione e stimolato il cambiamento.
Un dato particolarmente interessante emerge per quanto riguarda la supply-chain: 55% dei produttori italiani dà la priorità al friend-shoring per la ristrutturazione della catena di approvvigionamento.

Matteo Carola, Country Manager per l’Italia di Protolabs commenta: “I trend di innovazione del settore manifatturiero italiano emersi dalla nostra indagine dimostrano la capacità di combinare tradizione e modernizzazione. Sebbene i vincoli di budget e la cautela nello sperimentare possano rappresentare un ostacolo, l’enfasi posta dall’Italia sulla creatività umana e sulla flessibilità del lavoro rappresentano dei punti di forza unici di buon auspicio per la continua presenza dell’Italia nel panorama manifatturiero mondiale”

Il report è accessibile al seguente link: https://esplorare.protolabs.com/innovazione-nellindustria-manifatturiera-italiana/

BlogInnovazione.it

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Articoli recenti

Veeam presenta il supporto più completo per il ransomware, dalla protezione alla risposta e al ripristino

Coveware by Veeam continuerà a fornire servizi di risposta agli incidenti di cyber-estorsione. Coveware offrirà funzionalità di forensics e remediation…

23 Aprile 2024

Rivoluzione Verde e Digitale: Come la Manutenzione Predittiva sta Trasformando il Settore Oil & Gas

La manutenzione predittiva sta rivoluzionando il settore dell'oil & gas, con un approccio innovativo e proattivo alla gestione degli impianti.…

22 Aprile 2024

L’autorità antitrust del Regno Unito lancia l’allarme BigTech su GenAI

La CMA del Regno Unito ha lanciato un avvertimento circa il comportamento delle Big Tech sul mercato dell’intelligenza artificiale. La…

18 Aprile 2024

Casa Green: rivoluzione energetica per un futuro sostenibile in Italia

Il Decreto "Case Green", formulato dall'Unione Europea per potenziare l'efficienza energetica degli edifici, ha concluso il suo iter legislativo con…

18 Aprile 2024