Articoli

Google pagherà una multa di $ 85 milioni allo stato dell’Arizona

Nel 2018, da un’indagine di Associated Press sono emerse diverse pratiche scorrette nella metodologia di localizzazione della posizione di Google su Android, e ora Google è stata condannata a risarcire.

Google pagherà un risarcimento di 85 milioni di dollari allo stato dell’Arizona per risolvere i reclami secondo cui la società ha rintracciato illegalmente la posizione degli utenti di dispositivi Android.

Il procuratore generale dell’Arizona Mark Brnovich ha citato in giudizio Google nel maggio 2020, sostenendo che “modelli oscuri” erano integrati nell’Android installato su smartphone e anche su App. I metodi oscuri fanno chiaro riferimento a sistemi di progettazione del software che possono manipolare il comportamento degli utenti.

Le indagini

La causa ha confermato che Google manteneva il monitoraggio della posizione anche in funzionamento in background, in modo tale che fosse possibile raccogliere informazioni: anche quando gli utenti avevano disattivato la condivisione della posizione. Inoltre tale violazione avveniva anche in condizioni di non consenso privacy sulla posizione. Ciò fa seguito a un rapporto del 2018 dell’Associated Press secondo cui Google tiene traccia degli utenti attraverso servizi come mappe di Google, aggiornamenti meteorologici e ricerche nel browser, anche con la Cronologia delle posizioni disattivata.
Come riporta Bloomberg, questa multa è una delle più importanti mai pagate da Google “pro capite” in una causa per frode dei consumatori.

“Quando sono stato eletto procuratore generale, ho promesso agli abitanti dell’Arizona che avrei combattuto per loro e avrei ritenuto responsabili tutti, comprese le società come Google”, ha detto Brnovich in una nota. “Sono orgoglioso di questo insediamento storico che dimostra che nessuna entità, nemmeno le grandi aziende tecnologiche, è al di sopra della legge”.

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.
Google

Il portavoce di Google José Castañeda ha affermato che il caso si basava su norme applicate su prodotti obsoleti, e che sono stati aggiornati da tempo.

“Forniamo controlli semplici e opzioni di eliminazione automatica per i dati sulla posizione e lavoriamo sempre per ridurre al minimo i dati che raccogliamo”, ha affermato Castañeda. “Siamo lieti di aver risolto questo problema e continueremo a concentrare la nostra attenzione sulla fornitura di prodotti utili per i nostri utenti”.

Ercole Palmeri: Innovation addicted

​  

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Articoli recenti

Apprendimento automatico: confronto tra Random Forest e albero decisionale

Nel mondo del machine learning, sia gli algoritmi random forest che decision tree svolgono un ruolo fondamentale nella categorizzazione e…

17 Maggio 2024

Come migliorare le presentazioni Power Point, consigli utili

Esistono molti suggerimenti e trucchi per fare ottime presentazioni. L'obiettivo di queste regola è di migliorare l'efficacia, la scorrevolezza di…

16 Maggio 2024

È ancora la velocità la leva nello sviluppo dei prodotti, secondo il report di Protolabs

Pubblicato il rapporto "Protolabs Product Development Outlook". Esamina le modalità in cui oggi vengono portati i nuovi prodotti sul mercato.…

16 Maggio 2024

I quattro pilastri della Sostenibilità

Il termine sostenibilità è oramai molto usato per indicare programmi, iniziative e azioni finalizzate alla preservazione di una particolare risorsa.…

15 Maggio 2024

Come consolidare i dati in Excel

Una qualsiasi operazione aziendale produce moltissimi dati, anche in forme diverse. Inserire manualmente questi dati da un foglio Excel a…

14 Maggio 2024

Analisi trimestrale Cisco Talos: mail aziendali nel mirino dei criminali Manifatturiero, Istruzione e Sanità i settori più colpiti

La compromissione delle mail aziendali sono aumentate nei primi tre mesi del 2024 più del doppio rispetto all’ultimo trimestre del…

14 Maggio 2024

Principio di segregazione dell’interfaccia (ISP), quarto principio S.O.L.I.D.

Il principio di segregazione dell'interfaccia è uno dei cinque principi SOLID della progettazione orientata agli oggetti. Una classe dovrebbe avere…

14 Maggio 2024

Come organizzare al meglio i dati e le formule in Excel, per un’analisi ben fatta

Microsoft Excel è lo strumento di riferimento per l'analisi dei dati, perchè offre molte funzionalità per organizzare set di dati,…

14 Maggio 2024

Leggi Innovazione nella tua Lingua

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Seguici