Comunicati Stampa

Google Maps, tra restyling e selezione del motore nei percorsi ecologici

L’esperienza utente di una piattaforma può conoscere piccoli e grandi cambiamenti, come nel caso di Google Maps che, messo in campo un piccolo restyling, si è impegnata in future migliorie per la funzione che aiuta a generare il percorso più ecologicamente efficiente.

Google Maps, ad oggi la piattaforma regina adoperata dagli utenti nel programmare i propri spostamenti e per orientarsi in zone che non conoscono (bene), ha rilasciato una piccola variazione grafica che, forse, non piacerà a tutti. Nel frattempo, procede lo sviluppo della funzione per indicare i percorsi più efficienti e meno inquinanti, che presto potrebbe anche tener conto del tipo di veicolo guidato.

Lo scorso anno, Google ha incominciato a cambiare il modo in cui generava un percorso da un punto A a un punto B, in modo da privilegiare, tra due tragitti di durata simile, quello che richiedeva un minor impiego di carburante e che, quindi, era più ecologicamente efficiente e meno inquinante.

Da allora, però, Mountain View sembra essersi resa conto di alcuni particolari: a oggi, il parco auto è molto variegato e, sebbene quelle termodinamiche a benzina siano ancora le più diffuse, sono sempre più circondate da veicoli di altro tipo, tra cui le auto elettriche, quelle ibride o a diesel. In conseguenza di ciò, è difficile che esista un percorso più efficiente in toto, per ogni tipologia di auto.

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.
Nella beta release 11.39 di Google Maps,

i leaker di 9to5google, tramite un’operazione di reverse engineering condotta col toolk JEB Decompiler, hanno scoperto tracce di una funzione che permetterà per l’appunto di indicare la tipologia del veicolo (variabile poi di seguito, attraverso le impostazioni) di cui si è alla guida, con opzioni a scelta tra diesel, elettrico, ibrido, in modo che la piattaforma possa poi tenerne conto nell’elaborare un percorso che possa far “risparmiare più carburante o energia“. Al momento, non è chiaro se e quanto Google introdurrà effettivamente questa funzionalità che, tra l’altro, potrebbe anche cambiare nel suo modo di funzionamento al momento del rilascio finale.

All’interno della release 11.38.2, invece,

i redattori di AndroidPolice hanno scoperto un piccolo restyling in corso di implementazione graduale, che coinvolge il “Pin” utilizzato da un contatto che condivide con noi la sua posizione sulla mappa: in precedenza, la sua immagine di profilo, circolare, era inserita in un Pin bianco, che finiva per metterla in rilievo, in modo da farla risaltare maggiormente sulle mappe più dense o dello stesso colore dell’immagine del contatto (es. quando la mappa passava ai colori notturni).

Col nuovo layout, “più snello e pulito“, sparisce il contorno bianco nel Pin che circonda l’immagine del contatto che condivide la sua posizione, anche se ne rimane in basso la punta bianca.

​  

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Articoli recenti

Veeam presenta il supporto più completo per il ransomware, dalla protezione alla risposta e al ripristino

Coveware by Veeam continuerà a fornire servizi di risposta agli incidenti di cyber-estorsione. Coveware offrirà funzionalità di forensics e remediation…

23 Aprile 2024

Rivoluzione Verde e Digitale: Come la Manutenzione Predittiva sta Trasformando il Settore Oil & Gas

La manutenzione predittiva sta rivoluzionando il settore dell'oil & gas, con un approccio innovativo e proattivo alla gestione degli impianti.…

22 Aprile 2024

L’autorità antitrust del Regno Unito lancia l’allarme BigTech su GenAI

La CMA del Regno Unito ha lanciato un avvertimento circa il comportamento delle Big Tech sul mercato dell’intelligenza artificiale. La…

18 Aprile 2024

Casa Green: rivoluzione energetica per un futuro sostenibile in Italia

Il Decreto "Case Green", formulato dall'Unione Europea per potenziare l'efficienza energetica degli edifici, ha concluso il suo iter legislativo con…

18 Aprile 2024