Blockchain cosa vuol dire, Cos’è e come usarla

catena blockchain
Digitale

Letteralmente blockchain vuol dire “catena di blocchi”, tecnicamente è una struttura dati condivisa e non modificabile. La blockchain è un registro digitale le cui voci sono raggruppate in “blocchi”, concatenati in ordine cronologico, e la cui integrità è garantita dall’uso della crittografia.

Blockchain: è una struttura di dati in cui le informazioni digitali vengono registrate su blocchi concatenati tra loro in ordine cronologico. Il contenuto dei blocchi, cioè i dati che sono registrati su di essi, è immodificabile. Ogni unità registrata su questi blocchi, potrebbe contenere cripto valuta o NFT.

Per la natura non modificabile di questi blocchi, la tecnologia blockchain è ritenuta particolarmente sicura per il salvataggio di informazioni sensibili o di valore. Come ad esempio una collezione di NFT o le cripto valute.

È una cosa piuttosto complessa, di cui anche noi non conosciamo bene il funzionamento, ma in effetti non ci interessa molto il funzionamento tecnico (del resto usiamo abitualmente gli smartphone, ma non ci interessa capirne tecnicamente il funzionamento).

La Blockchain è quindi un insieme di tecnologie, in cui il registro è strutturato come una catena di blocchi contenenti le transazioni e il consenso è distribuito su tutti i nodi della rete. Tutti i nodi possono partecipare al processo di validazione delle transazioni da includere nel registro.

Dalla definizione di Blockchain possiamo partire per esplorare gli aspetti più interessanti legati a questa tecnologia.

Le applicazioni sono tante, le potenzialità sono enormi, in gran parte ancora da esplorare e non solo in specifici settori merceologici. Nonostante le aspettative mediatiche, e le interessanti caratteristiche, vien da chiedersi quali possano essere effettivamente gli ambiti di applicazione di questa tecnologia, quali i settori che meglio possono sfruttare i benefici e le proprietà rivoluzionare della Blockchain.

Diverse aziende di tutto il mondo hanno iniziato a sperimentare soluzioni Blockchain. E sono emersi con più chiarezza gli ambiti di applicazione e le piattaforme di soluzioni e sviluppo. Tuttavia, non è sempre chiaro in quali modi la Blockchain possa migliorare i processi esistenti, né come questa tecnologia possa abilitare nuove opportunità e modelli di business.

Attualmente il settore più avanzato è sicuramente quello della Finanza & Assicurazioni, che si è attivato per primo per rispondere alla minaccia dei Bitcoin e che si sta già muovendo verso una fase di sviluppo applicativo dei progetti.

Attualmente sono partiti diversi progetti e applicazioni in ambito Agrifood, Advertising, Logistica e perfino Pubblica Amministrazione.

Nelle prossime settimane approfondiremo ambiti di applicazione, progetti e applicazioni esistenti.

Ercole Palmeri: Innovation addicted

Newsletter sull’Innovazione

Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.
Loading

Puoi cancellarti in ogni momento. Leggi la nostra Privacy Policy.

ibis Styles metaverso
Informatica
Ibis Styles entra nel Metaverso con il lancio della sua Galleria d’arte virtuale su Spatial

Ibis Styles ha annunciato la sua imminente entrata nel metaverso, con una galleria d’arte virtuale su Spatial. L’istituzione della galleria virtuale fa seguito ai recenti eventi IRL all’ibis Bangkok Silom e all’ibis Styles Sevilla, dove sono state create opere originali e NFT. Open To Creators di ibis Styles è la …

EUHubs4Data open call
Comunicati Stampa
Big Data: aperta la terza open call del progetto EUHubs4Data

Il progetto EUHubs4Data ha aperto la terza open call per promuovere l’innovazione basata sui dati. Con questo bando EUHubs4Data vuole selezionare e finanziare 18 esperimenti innovativi realizzati da PMI e imprenditori, sfruttando appieno il potenziale dei dataset e del catalogo di servizi data driven di EUHubs4Data. Il progetto EUHubs4Data, finanziato dalla Commissione Europea, ha stanziato 5,8 milioni di euro per …

metaverso virtuale
Informatica
Sì: online siamo meno onesti e più aggressivi. E nel metaverso andrà peggio

Una ricerca di IIT in collaborazione con La Sapienza dimostra che meno ci sentiamo rappresentati dai nostri avatar, più siamo disposti a fare scelte moralmente discutibili Su Internet siamo abituati a comportarci peggio che nel mondo reale, a scrivere cose che non diremmo mai, pure a mentire e magari a fingerci …