Articoli

Introduzione al metodo Six Thinking Hats

Sviluppato da Dr. Edward de Bono, “Six Thinking Hats” è un framework progettato per promuovere il pensiero olistico e laterale nel processo decisionale e di valutazione.

Six thinking Hats è una tecnica per migliorare il processo decisionale, applicabile da un singolo o mediante incontri di gruppo, i partecipanti – team di progetto, responsabili e le parti interessate – vengono stimolati ad esaminare, analizzare e valutare le varie modalità di pensiero utilizzando la metafora di indossare i diversi “cappelli concettuali”.

Questo approccio cerca di combinare i punti di forza di una serie di diversi “stati” mentali che gli individui istintivamente acquisiscono: dal punto di vista razionale, positivo, emozionale, intuitivo, ottimistico e pessimista. Il metodo richiede ai partecipanti di prendere in considerazione lo stesso problema attraverso uno spettro completo di modalità di pensiero, convergendo ad un obiettivo comune.

I sei cappelli disponibili sono identificati da colori diversi

ognuno simbolo di uno stile diverso di pensare, e ciascuno identificato da una modalità unica di analisi.

  • Cappello bianco: “Informazioni”. Vengono prese in considerazione le informazioni conosciute, disponibili e certe.
  • Cappello verde: “La creatività”. Viene preso il considerazione il pensiero astratto, digressioni, proposte alternative, e dichiarazioni provocatorie.
  • Cappello giallo: “positivi”. Identificare tutti gli aspetti costruttivi e ottimisti, con un occhio rivolto alla fiducia e la positività.
  • Cappello nero: “negativi”. Vengono presi in considerazione eventuali difetti, rischi, sfide e i timori, al fine di prevenire, mitigare ed evitare i pericoli di un ottimismo eccessivo.
  • Cappello rosso: “Emozioni”. Identificare reazioni emotive, giudizi, sospetti e intuizioni propri e degli altri.
  • Cappello blu: “Panoramica”. Prendere in considerazione l’intero processo di pensiero, vale a dire ‘metacognizione’. Esaminare e valutare la sessione dei sei cappelli,


In una sessione di “Six Thinking Hats”, ognuno di questi cappelli viene “indossato” dai partecipanti, il processo viene guidato da un facilitatore che conosce bene il processo. Ogni cambio di “cappello” indica la successiva fase della sessione. Entro la fine di una sessione, una particolare decisione o  valutazione viene raggiunta attraverso la considerazione di una serie di punti di vista.

Di seguito, troverai i dettagli di ogni colore/modalità di pensiero del cappello.

Cappello blu pensante

Il cappello blu è il cappello del processo , il cappello del controllo: è responsabile dell’organizzazione del nostro processo di pensiero, della sintesi della discussione, della preparazione dei piani d’azione. Facilita l’ incontro, lo spinge avanti e trae conclusioni.

Il Blue Thinking Hat di solito appare due volte: all’inizio e alla fine di ogni sessione. In primo luogo, per organizzare l’ordine dei cappelli, poi – per chiudere l’incontro in modo costruttivo.

Cappello bianco pensante

Il cappello bianco è il cappello neutro e incentrato sui fatti . Questi fatti possono essere verificati o meno (ipotesi). “Sempre”, “di solito”, “la maggior parte delle volte” sono quei tipi di affermazioni che tipicamente appartengono a questo slot.

Quando indossiamo il White Thinking Hat, è bene porre ulteriori domande sui fatti menzionati da altri, per assicurarci di ottenere quanti più dettagli utili possibili. Dai un’occhiata a questo esempio:

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.
  • “Tutte le donne sanno che dovresti sottoporti a regolari controlli sanitari quando sei incinta” è un’affermazione troppo ampia e puoi facilmente dire che probabilmente non è vera.
  • “La maggior parte delle donne in gravidanza è consapevole di dover sottoporsi a regolari controlli medici durante la gravidanza” suona più specifico oltre che più probabile.

Cappello rosso del pensiero

Il cappello rosso riguarda le emozioni e le reazioni istintive . L’obiettivo qui è quello di far uscire tutti i nostri sentimenti e intuizioni legate all’argomento, in modo da poter passare ad altri cappelli senza il loro peso sulle nostre spalle. La fascia oraria di Red Thinking Hat è particolarmente preziosa quando discutiamo di argomenti caldi e controversi (basti pensare a un dibattito relativo ai vaccini COVID-19).

La cosa importante qui è che non dovremmo giudicare, criticare o minare i sentimenti di qualcun altro. Possiamo chiedere di loro, ma non costringere la persona a giustificarli. Ciò che è benvenuto, tuttavia, è essere proattivi e creare un ambiente accogliente in cui tutti possano condividere le proprie emozioni:

  • “Va bene per te?”
  • “Come ti senti a riguardo?”

Cappello giallo pensante

Il cappello giallo è sinonimo di opportunità : è il cappello che ci aiuta a concentrarci sugli esiti positivi del caso di cui discutiamo. Sorprendentemente, può essere più difficile di quanto pensiate lasciare fuori tutti i dubbi.

A volte, ci vuole un po’ di ricerca per trovare il lato positivo di un fatto, o un po’ di immaginazione per inventare uno scenario ottimista. Ma l’obiettivo qui è cercare attivamente i benefici della nostra situazione e lasciare i rischi alla fascia oraria del cappello nero.

Cappello pensante verde

Il cappello verde è il cappello della creatività . Questo è il momento di produrre quante più idee possibili – tutte le idee sono benvenute, non le giudichiamo. A questo punto, ci proponiamo di immaginare i diversi modi in cui il nostro caso in questione potrebbe svilupparsi:

  • Quali sono le altre opzioni?
  • Ci sono percorsi alternativi che potremmo prendere?
  • Se non questo , allora cosa ?

Cappello pensatore nero

Il cappello nero è cauto e un po’ pessimista. A questo punto, ci concentriamo sugli aspetti negativi : rischi e cose che potrebbero andare storte. Potrebbe non essere esattamente divertente, ma è importante per la nostra sicurezza o, nel mondo degli affari, per il successo del nostro progetto.

Questa è una buona fascia oraria per commentare i fatti menzionati in precedenza se pensiamo che siano eccessivamente ottimisti o privi di dettagli importanti, ma ricorda: non renderlo personale . Va bene individuare gli errori, ma non criticare la persona che ha fatto la dichiarazione.

Puoi dire, ad esempio: “Il rischio che vedo qui per il progetto è che i dati siano incompleti”. invece di: “Con i dati di scarsa qualità che ci hai fornito, il progetto fallirà”.

Ercole Palmeri: Innovation addicted

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Articoli recenti

Idea Brillante: Bandalux presenta Airpure®, la tenda che purifica l’aria

Risultato della costante innovazione tecnologica e all'impegno nei confronti dell'ambiente e del benessere delle persone. Bandalux presenta Airpure®, una tenda…

12 Aprile 2024

Design Patterns V.s. principi S.O.L.I.D., vantaggi e svantaggi

I design pattern sono soluzioni specifiche di basso livello a problemi ricorrenti nella progettazione del software. I design pattern sono…

11 Aprile 2024

Magica, l’app iOS che semplifica la vita degli automobilisti nella gestione del proprio veicolo

Magica è l'app per iPhone che rende la gestione dei veicoli semplice ed efficiente, aiutando gli automobilisti a risparmiare e…

11 Aprile 2024

Grafici di Excel, quali sono, come creare un grafico e come scegliere il grafico ottimale

Un grafico di Excel è un elemento visivo che rappresenta i dati presenti in un foglio di lavoro di Excel.…

9 Aprile 2024