SEO cos’è, come funziona e come ottimizzare il tuo sito

SEO cos’è, come funziona e come ottimizzare il tuo sito
Digitale

SEO, o Search Engine Optimization, è l’attività che tenta di migliorare il posizionamento di una pagina web, o di un sito, nei motori di ricerca.

L’attività di SEO, Search Engine Optimization (letteralmente Ottimizzazione per i Motori di Ricerca), ha come obiettivo il migliore posizionamento nei risultati di ricerca, cioè nella SERP (Serch Engine Result Page, letteralmente la pagina risultato della ricerca).  I migliori motori di ricerca costruiscono la SERP riportando i collegamenti (link) a pagine che sono considerate pertinenti e autorevoli. La pertinenza viene misurata analizzando il contenuto, mentre l’autorità viene misurata analizzando il numero e la qualità dei collegamenti da altre pagine Web. In pratica, le pagine Web possono essere classificate in base ai link che altre pagine Web rimandano a esse.

Quindi i motori di ricerca hanno due funzioni principali: scansione e costruzione di un indice. Fornire quindi agli utenti della ricerca un elenco classificato dei siti Web.

Immagina il World Wide Web come una rete di trasporti pubblici cittadini (composta da Metropolitana, Bus e Tram). Ogni fermata è un documento univoco (di solito una pagina Web, un PDF, JPG o altro tipo di file).  I motori di ricerca  hanno bisogno di un modo per analizzare l’intera città e trovare tutte le fermate lungo il percorso, quindi usano il miglior percorso disponibile-link.

SEO cos’è, come funziona e come ottimizzare il tuo sito
Consultando il sito netmarketshare.com, possiamo vedere che i motori di ricerca più utilizzati sono Google, Baidu, Bing e Yahoo (dati relativi al periodo dal 4/2017 al 3/2018, rilevato a livello globale, indipendentemente dall’apparecchio e dal browser utilizzato).

Motore di RicercaMarket Share 3/17-4/18 Mondo
Google81.71%
Baidu8.46%
Bing5.13%
Yahoo!3.49%
Yandex0.56%
Ask0.19%
DuckDuckGo0.17%
Naver0.10%
Dogpile0.07%
AOL0.03%

Il gap tra Google e gli altri motori di ricerca, ci fa pensare che i migliori criteri utilizzati, i migliori algoritmi implementati da Google, sono molto apprezzati dall’utenza, e hanno fatto scuola tra i competitor follwer. Google e Bing hanno una utilizzo globale, cioè in tutti i paesi del mondo. Baidu e Yandex hanno un utilizzo relativamente limitato “a livello territoriale”, Baidu per la popolazione cinese, mentre Yandex per la popolazione russa.

Potrebbe interessarti anche: L’Oréal applica la meccanobiologia ai trattamenti anti-età
Potrebbe interessarti anche: Apple 10 anni dopo iPhone, anche la migliore strategia potrebbe non dare i risultati attesi

Un contenuto ben fatto, incoraggia le persone a collegarsi alle tue pagine e mostra a Google che le tue pagine sono interessanti e autorevoli.

Questo criterio di selezione e classificazione delle pagine, porta al successo dei motori di ricerca, perché Google vuole mostrare pagine interessanti e autorevoli nei risultati di ricerca. Google promuove le pagine più autorevoli portandole in cima alle sue classifiche, quindi l’obiettivo principale per un SEO specialist, è creare pagine che diventano pagine autorevoli. Ciò comporta la scrittura di contenuti che le persone trovano utili perché contenuti utili sono condivisi nei blog, nei feed di Twitter, ecc. E nel corso del tempo Google rileva questi segnali di autorità. Questo circolo virtuoso crea classifiche Google forti e sostenibili.

Potrebbe interessarti anche: Strategia SEO ricerca vocale e il successo dei Personal Assistants
Potrebbe interessarti anche: Fake News: Google cambia il suo algoritmo e dichiara guerra ai legionari dell’imbecillità

I motori di ricerca hanno due funzioni principali: scansione e costruzione di un indice. Fornire quindi agli utenti della ricerca un elenco classificato dei siti Web.

Immaginiamo il World Wide Web come la rete di trasporti pubblici cittadini (Metropolitana, Bus e Tram). Ogni fermata è un documento univoco (una pagina Web, un PDF, JPG o altro tipo di file).  I motori di ricerca  hanno bisogno di un modo per analizzare l’intera città e trovare tutte le fermate lungo i percorsi ottimali, quindi il miglior percorso disponibile-link.
I collegamenti consentono ai robot automatizzati dei motori di ricerca, chiamati crawler o spider, di raggiungere i numerosi documenti interconnessi sul web.
Una volta che i motori trovano queste pagine, leggono e interpretano il codice memorizzandolo in grandi base di dati, da cercare in seguito quando una query di ricerca li richiederà. Per realizzare queste ricerche complesse tra miliardi di pagine, le aziende dei motori di ricerca hanno costruito i loro data center in tutto il mondo. Praticamente, mostruosi impianti di stoccaggio delle informazioni, composti da migliaia di macchine che elaborano grandi quantità di informazioni in tempi ridotti.

Potrebbe interessarti anche: Automobili senza volante: tra 20 anni è realtà. Technology-Push o Market-Pull ?
Potrebbe interessarti anche: Quali sono le caratteristiche dell’ Innovatore e come si coltivano

Quando una persona esegue una ricerca, la richiesta viene elaborata istantaneamente; anche un ritardo di uno o due secondi può causare insoddisfazione.

I motori di ricerca sono macchine che devono dare risposte. Quando una persona esegue una ricerca online, il motore cerca nei miliardi di documenti e fa due cose:

  1. estrarre i risultati pertinenti o utili alla query dell’utente;
  2. classifica i risultati, mettendo in primo piano alcune pagine anzichè altre, secondo la popolarità dei siti web che forniscono le informazioni.

Quindi sia la pertinenza che la popolarità influenzano il processo di SEO, ma in che modo i motori di ricerca determinano rilevanza e popolarità?
Per un motore di ricerca, rilevanza significa trovare una pagina con le parole giuste. Gli algoritmi che consento di determinare la rilevanza e popolarità di una pagina, sono sempre più sofisticati.

SEO

I motori di ricerca in genere presuppongono che più un sito (o pagina o documento) è popolare, più preziosa è l’informazione che contiene.

Questa ipotesi si è dimostrata efficace, in termini di soddisfazione dell’utente. La popolarità e la rilevanza non sono determinate manualmente. I motori di ricerca implementano diversi algoritmi per ordinare le pagine (pertinenza), e quindi determinare l’ordine in termini di qualità (popolarità).
Questi algoritmi comprendono spesso centinaia di variabili. Nel campo del marketing di ricerca, ci si riferisce a loro come fattori di ranking.

 

Se vuoi migliorare la visibilità del tuo sito o del tuo ecommerce, potete cantattarmi inviando una email all’indirizzo info@bloginnovazione.it, o compilando il form contatti di BlogInnovazione.it

Ercole Palmeri

CV Ercole Palmeri

Temporary Innovation Manager

Associato Leading Network

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ux design bloginnovazione
Digitale
UX Design in 10 semplici passi

Come creare un prodotto digitale progettando la UX design in modo completo ed esaustivo. Sono 10 semplici passi, 10 semplici step per progettare una user experience ottimale per il tuo sito web o per il tuo eCommerce. Questi 10 step sono quelli a cui ci si riferisce quando parliamo di …

marketing automation
Digitale
Marketing Automation: segmentazione

Il Marketing Automation è un’azione irrinunciabile, sopratutto se gestiamo un negozio online. Inviare sempre con la stessa frequenza qualsiasi comunicazione in modo indistinto a tutti gli iscritti del tuo ecommerce, non è una buona scelta.È più opportuno segmentare l’elenco di invio, per mantenere sempre alto l’interesse dei clienti. In questo …

regressione lineare
Formazione
Classificazione degli algoritmi di Machine Learning: Regressione lineare, Classificazione e Clustering

Il Machine Learning ha grandi similitudini con l’ottimizzazione matematica, che fornisce metodi, teorie e domini di applicazione.  L’apprendimento automatico viene formulato come “problemi di minimizzazione” di una funzione di perdita (loss function) nei confronti di un determinato set di esempi (training set). Questa funzione esprime la discrepanza tra i valori …