Six thinking hats: cosa sono e come usarli

six thinking hats
Articoli
Six thinking hats: cosa sono e come usarli

Six Thinking Hats è una tecnica per migliorare il processo decisionale “provando” diverse prospettive rappresentate da diversi colori del cappello del pensiero.

Il termine è stato coniato dal Dr. Edward de Bono nel 1985, quando ha pubblicato il suo libro “Six Thinking Hats”, un seguito pratico per i manager aziendali al suo concetto di pensiero laterale (introdotto per la prima volta in “The Use of Lateral Thinking” nel 1967) .

Cos’è il pensiero laterale ? 

E’ un approccio creativo alla risoluzione dei problemi. Invece di seguire il tradizionale modo di pensare passo dopo passo dell’Occidente, nel Pensiero Laterale guardi un problema in un modo nuovo e non standard, per trovare soluzioni fresche e non standard. Metti in discussione lo status quo e rompi i soliti schemi di pensiero per generare nuove idee.

Come funziona la tecnica Six Thinking Hats ?

Fondamentalmente, il modello Six Thinking Hats è una tecnica per produrre idee applicando diverse prospettive. Ci sono sei prospettive, e ognuna è rappresentata da un proprio cappello colorato metaforico:

  • Blue Thinking Hat – rappresenta il processo,
  • White Thinking Hat – rappresenta i fatti,
  • Red Thinking Hat : rappresenta i sentimenti,
  • Cappello del pensiero giallo : rappresenta i vantaggi,
  • Green Thinking Hat : rappresenta la creatività,
  • Black Thinking Hat : rappresenta la cautela.

Va sottolineato che Six Thinking Hats è un approccio strutturato – questo è particolarmente importante nel contesto aziendale, poiché consente riunioni più ordinate e produttive. Questo è ciò che rende questa tecnica diversa dal tradizionale brainstorming, che tende ad essere più caotico.

Qualunque cosa qualcuno dica è trattata come un dato di fatto – non ne discutiamo. Se c’è qualcosa con cui non sei d’accordo, tuttavia, puoi affrontarlo quando arriva il momento per un cappello del colore adatto.

Quando usare Six Thinking Hats ?

Per migliorare il processo decisionale, puoi usare la tecnica dei cappelli pensanti per analizzare tutti i tipi di problemi nella tua vita personale e professionale, ma qui concentriamoci su quest’ultimo. Alcune situazioni in cui Six Thinking Hats possono tornare utili sono:

  • Analisi delle scelte strategiche
  • Gestione del rischio
  • Risolvere problemi che evocano molte emozioni

Vantaggi del metodo dei sei cappelli per pensare

Ma quali sono i vantaggi di condurre una sessione di Thinking Hats invece di una normale riunione di brainstorming?

  • In primo luogo, queste sessioni si basano su un processo di pensiero strutturato – questo porta naturalmente a incontri migliori, il che significa: incontri più produttivi .
  • Una struttura imposta garantisce anche decisioni meglio analizzate : nel modello Six Thinking Hats, esploriamo i problemi da diverse prospettive. Ottieni una checklist di punti di vista, per così dire, che creano opportunità per trovare possibili soluzioni.
  • Lateral Thinking è progettato per generare idee e portare in tavola soluzioni più creative. Con questo approccio, che promuove la messa in discussione dello status quo, il tuo team può ideare modi nuovi e sorprendenti per risolvere i problemi .
  • Se opportunamente facilitata, una sessione di Thinking Hats è priva di conflitti e consente a tutti i partecipanti di esprimere liberamente la propria opinione senza timore di essere giudicati, perché le potenziali critiche non possono essere rivolte all’oratore e le affermazioni orali non possono essere criticate immediatamente (solo nel parti della discussione).

Come presentare Six Thinking Hats a una squadra ?

Se sei un Project Manager o un Team Leader responsabile di facilitare le discussioni di gruppo, vale la pena provare i thinking Hats.

Prima di organizzare la tua prima riunione di Six thinking Hats, spiega il metodo, i colori dei cappelli e le regole alla tua squadra. Forse la differenza chiave tra questa struttura e il brainstorming è che a un certo punto l’intero team dovrebbe concentrarsi su un particolare cappello/punto di vista. Non discutiamo di affermazioni (o, come farai, di fatti ) né discutiamo con esse.

Sei colori di thinking Hats

Durante una sessione di thinking hats, i partecipanti “indossano” cappelli di diversi colori – questo significa che all’ora designata, adottano tutti una certa prospettiva. Oltre a ciò, ogni incontro ha il suo facilitatore, che controlla il ritmo della discussione. Il facilitatore indossa anche i cappelli colorati, insieme al resto dei partecipanti.

I sei cappelli per pensare di De Bono e le prospettive che rappresentano: blu (processo), bianco (fatti), nero (attenzione), rosso (sentimenti), giallo (vantaggi) e verde (creatività).

Come facilitare le sessioni di Six Thinking Hats ?

Dopo aver esaminato tutte le descrizioni dei cappelli, potresti chiederti:

  • I colori dei cappelli sono sempre nello stesso ordine?
  • È una sequenza fissa o posso regolarla?
  • Possiamo prima discutere i rischi e poi passare a qualcosa di più positivo?

La risposta breve è: il metodo ci dà molta libertà nell’organizzare i colori del cappello, ma è meglio iniziare e finire con il Blue Thinking Hat.

Per migliorare il processo decisionale, l’ordine dei colori dei cappelli nel metodo Six Thinking Hats

Si consiglia di iniziare e concludere la sessione di Thinking Hats con il Blue Thinking Hat per il miglior controllo del processo. In questo modo, all’inizio, ti assicurerai che tutti siano sulla stessa pagina con l’argomento e il piano dell’incontro. Alla fine, otterrai un risultato produttivo.

A seconda delle esigenze della tua riunione, puoi organizzare i cappelli per soddisfare al meglio il tuo scopo. Il suggerimento è, tuttavia, di iniziare e concludere con il Cappello azzurro del pensiero.

Cosa succede tra le fasce orarie dei due cappelli blu, dipende da te. Puoi destreggiarti tra i cappelli nel mezzo a seconda del soggetto o della situazione:

  • Quando l’argomento suscita molte emozioni, è bene iniziare con il pensiero da cappello rosso: questo consentirà ai partecipanti di eliminare le emozioni dal loro sistema prima di passare ad altri colori.
  • In argomenti più analitici, può essere utile iniziare con il pensiero del cappello bianco o nero: raccogliere prima tutti i fatti e i rischi, quindi cercare alternative. Qui, le emozioni possono arrivare per ultime. Può rivelarsi utile concludere con il cappello ottimista (giallo), in modo che l’incontro si concluda con una nota positiva.

Sessioni di Six Thinking Hats: Cose da fare e da non fare

Per migliorare il processo decisionale, ecco un paio di suggerimenti pratici per facilitare riunioni produttive di Six Thinking Hats.

Da fare
  • Inizia e finisci con Blue Thinking Hat: il blue hat è responsabile del processo stesso del Thinking Hats, ecco perché iniziare e terminare il tuo incontro con questo colore ti consentirà di iniziare senza intoppi e finire con riassunto e conclusioni. In questo modo, la sessione avrà una corretta apertura e chiusura.
  • Domande aperte: per mantenere la discussione vivace e creativa, evita di porre semplici domande “sì” o “no” e usa invece domande aperte. Sono molto più stimolanti e danno ai partecipanti alla riunione più spazio per esprimere i propri pensieri.
  • Provocazione: potresti provare a dire qualcosa di provocatorio (come qualcosa che all’inizio sembra inutile o sciocco) che sveglierà i partecipanti e susciterà una conversazione che porta a conclusioni costruttive.
Da non fare
  • Concentrarsi troppo su un colore del cappello: soprattutto quando l’argomento di discussione è controverso, i partecipanti potrebbero avere la tendenza a esaurirsi sfogando tutte le loro emozioni negative nello slot del cappello nero e avere poco spazio cerebrale ed energia per altri colori. Assicurati di prestare a tutti i colori la stessa quantità di attenzione.
  • Discutere con i fatti : i fatti, come in “quello che dicono gli altri”. Come accennato in precedenza, le cose che diciamo durante una sessione di Think Hats sono trattate come fatti e non dovrebbero essere discusse. Almeno non immediatamente, ovvero quando un partecipante inizia a commentare l’idea di un’altra persona, dovresti chiedere loro di affrontare il problema in uno spazio adatto per il colore del cappello.
Concludendo

Per riassumere: la tecnica Six Thinking Hats è un approccio interessante per migliorare il processo decisionale, e prendere decisioni migliori.

Utilizzando il concetto di pensiero laterale di de Bono e applicando una struttura a quella che altrimenti sarebbe probabilmente una tradizionale sessione di brainstorming. I cappelli pensanti possono aiutare i project manager e i team leader a tenere riunioni più produttive che coinvolgono l’intero team nella generazione di idee. Il modello è flessibile e promuove una discussione aperta , ma evita conflitti. Ancora più importante, il framework consente di indagare su qualsiasi problema da una varietà di prospettive diverse, assicurando decisioni ponderate .

Ercole Palmeri: Innovation addicted

Six thinking hats: cosa sono e come usarli

Newsletter sull’Innovazione

Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.
Loading

Puoi cancellarti in ogni momento. Leggi la nostra Privacy Policy.

goovis
Articoli
Idea Brillante GOOVIS Lite: il Cinema in 3D personale e su schermo gigante

GOOVIS Lite, un’idea brillante da un team con una grande competenza nella visualizzazione delle informazioni, nell’ottica delle immagini visive e sulle cuffie AR/VR/MR. GOOVIS Lite: nitidezza delle immagini con 53 PPD (pixel per grado), il numero più alto del settore. Con un peso di soli 7,5 once, GOOVIS Lite è …

Leonardo e Khalifa University lanciano una Cyber Security Academy in UAE
Articoli
Leonardo e Khalifa University lanciano una Cyber Security Academy in UAE

L’azienda italiana e Khalifa University insieme per stabilire ad Abu Dhabi una cyber academy, scuola di alta formazione per la sicurezza informatica Con sede presso la Khalifa University of Science and Technology, la nuova Academy farà leva su competenze e tecnologie di Leonardo per la protezione degli ecosistemi digitali, nonché …

analisi predittiva
Articoli
Cos’è l’Analisi predittiva, e perché è importante negli affari

L’analisi predittiva è necessaria per comprendere il mondo naturale e fare previsioni accurate su di esso. È un approccio basato sui dati che studia come un’azienda e il suo ambiente interagiscono come un sistema. E come può influenzare l’ambiente circostante per raggiungere gli obiettivi prefissati.  Esistono chiari parallelismi tra il modo in …