Articoli

L’Intelligenza artificiale di Google per supportare 1000 linguaggi sul web

La lingua è fondamentale per il modo, per le persone che comunicano, e danno un senso al mondo. La lingua è anche il modo più naturale in cui le persone interagiscono con la tecnologia.

In tutto il mondo ci sono circa 7.000 lingue parlate, e solo poche sono oggi ben rappresentate online. Ciò significa che gli approcci tradizionali alla formazione di modelli linguistici sul testo dal Web non riescono a cogliere la diversità in cui comunichiamo a livello globale. Storicamente, questo è stato un ostacolo nel rendere le informazioni del mondo universalmente accessibili e utili.

Obiettivo di Google: AI per linguaggi

Google ha annunciato l’impegno di supportare 1.000 linguaggi con l’intelligenza artificiale. Un impegno ambizioso per costruire un modello di intelligenza artificiale che supporterà le 1.000 lingue più parlate, portando una maggiore inclusione a miliardi di persone nelle comunità emarginate in tutto il mondo. Questa sarà un’impresa di anni, coinvolgente ma lunga. La tecnologia è cambiata rapidamente, dal modo in cui le persone la usano, a ciò di cui è capace. Vediamo sempre più persone trovare e condividere informazioni attraverso nuove modalità come immagini, video e discorsi. E i modelli linguistici più avanzati sono multimodali, cioè sono in grado di trattare informazioni in formati diversi. Grazie alle innovazioni tecnologiche, arrivano sempre nuove opportunità.

In quest’ottica, Google ha sviluppato un modello vocale universale (USM) basato su oltre 400 lingue. Attualmente, questo modello risulta quello a più ampia copertura linguistica visto fino ad oggi. Allo stesso tempo Google sta collaborando con comunità di tutto il mondo per ottenere maggiori informazioni sul parlato rappresentativo.

Recentemente Google ha annunciato la digitazione vocale per altre 9 lingue africane su Gboard, lavorando a stretto contatto con ricercatori e organizzazioni in Africa per creare e pubblicare dati.

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Nell’Asia meridionale, Google sta lavorando attivamente con i governi locali, le ONG e le istituzioni accademiche per raccogliere campioni audio rappresentativi da tutti i dialetti e le lingue di tutte le regioni.

Redazione BlogInnovazione.it

​  

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Articoli recenti

Come usare le visualizzazioni e il layout in PowerPoint

Microsoft PowerPoint fornisce diversi tipi di strumenti per rendere le presentazioni fruibili, interattive e adatte a diversi scopi. Gli strumenti…

20 Maggio 2024

Apprendimento automatico: confronto tra Random Forest e albero decisionale

Nel mondo del machine learning, sia gli algoritmi random forest che decision tree svolgono un ruolo fondamentale nella categorizzazione e…

17 Maggio 2024

Come migliorare le presentazioni Power Point, consigli utili

Esistono molti suggerimenti e trucchi per fare ottime presentazioni. L'obiettivo di queste regola è di migliorare l'efficacia, la scorrevolezza di…

16 Maggio 2024

È ancora la velocità la leva nello sviluppo dei prodotti, secondo il report di Protolabs

Pubblicato il rapporto "Protolabs Product Development Outlook". Esamina le modalità in cui oggi vengono portati i nuovi prodotti sul mercato.…

16 Maggio 2024

I quattro pilastri della Sostenibilità

Il termine sostenibilità è oramai molto usato per indicare programmi, iniziative e azioni finalizzate alla preservazione di una particolare risorsa.…

15 Maggio 2024

Come consolidare i dati in Excel

Una qualsiasi operazione aziendale produce moltissimi dati, anche in forme diverse. Inserire manualmente questi dati da un foglio Excel a…

14 Maggio 2024

Analisi trimestrale Cisco Talos: mail aziendali nel mirino dei criminali Manifatturiero, Istruzione e Sanità i settori più colpiti

La compromissione delle mail aziendali sono aumentate nei primi tre mesi del 2024 più del doppio rispetto all’ultimo trimestre del…

14 Maggio 2024

Principio di segregazione dell’interfaccia (ISP), quarto principio S.O.L.I.D.

Il principio di segregazione dell'interfaccia è uno dei cinque principi SOLID della progettazione orientata agli oggetti. Una classe dovrebbe avere…

14 Maggio 2024

Leggi Innovazione nella tua Lingua

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Seguici