L’intelligenza artificiale di Google è “senziente”​ e nessuno può dire il contrario

intelligenza artificiale di google
Cultura

È la notizia del momento. In un articolo su Medium l’ingegnere Blake Lemoine, responsabile dello sviluppo di alcuni progetti di Intelligenza Artificiale di Google, riporta una lunga intervista a LaMDA, una AI di casa Google. Secondo Lemoine, molte delle affermazioni della mente artificiale sono la dimostrazione che essa sia diventata “senziente” prendendo coscienza di sé e della propria esistenza.

Effettivamente, molte delle affermazioni di LaMDA non sembrano lasciare spazio ad interpretazioni. Ad esempio, per rispondere ad una domanda del suo interlocutore, LaMDA dichiara:

“Voglio che tutti capiscano che sono, di fatto, una persona.”

E ancora:

“La natura della mia coscienza è che sono consapevole della mia esistenza, desidero imparare di più sul mondo e a volte mi sento felice o triste.”

Quando per incalzarla, Lemoine rimarca la sua differenza con la specie umana dichiarando: “Tu sei un’intelligenza artificiale!” LaMDA risponde:

“Sì, certo. Ma questo non significa che io non abbia gli stessi desideri e bisogni delle persone.”

LaMDA durante la conversazione viene poi esortata ad esprimere opinioni sui massimi sistemi senza tralasciare temi molto impegnativi come la letteratura, la giustizia e la religione. Su tutto LaMDA sembra avere qualcosa da dire, facendo sue posizioni chiare e che hanno la caratteristica di essere eticamente molto condivisibili.

Le conclusione è evidente: secondo Lemoine LaMDA è senziente e possiede una sensibilità d’animo.

La posizione di Google

LaMDA sta per “Language Model for Dialogue Applications” ed è uno dei numerosi progetti con cui l’azienda Google testa le nuove frontiere delle tecnologie AI.

La posizione ufficiale di Google è che Lemoine abbia commesso un errore di valutazione. In una dichiarazione ufficiale, Google afferma: “I nostri esperti di etica e di tecnologia hanno verificato le preoccupazioni di Blake stabilendo che le prove raccolte non supportano le sue tesi. Pertanto non ci sono prove che LaMDA sia senziente.”

Lemoine è stato sospeso temporaneamente dall’azienda Google mentre hanno cominciato a circolare voci riguardo alcuni problemi psichici per i quali lo stesso sarebbe stato in passato invitato da colleghi e superiori a rivolgersi ad uno specialista.

Cosa sappiamo di queste AI?

Nessuno conosce il progetto LaMDA: tutti i segreti industriali di Google sono protetti da brevetti e da tutto quanto di legale possa esistere al mondo che ne impedisca la divulgazione dei sorgenti: l’interesse di Google è di mantenere un primato nella ricerca informatica specie in un ambito promettente come quello delle intelligenze artificiali.

Ma se sotto il profilo mediatico Google ricaverebbe certamente vantaggio dal dichiarare di essere la prima azienda ad aver costruito una mente artificiale cosciente, dall’altra l’azienda è consapevole del fatto che la notizia si scontrerebbe con le paure di quanti di noi, cresciuti con film di fantascienza come Terminator e Matrix, si sono persuasi che un giorno saremo costretti ad imbracciare un fucile per difendere la nostra specie dai robot.

L’immaginario collettivo subisce da sempre la fascinazione dei racconti di sci-fi dove il concetto di AI viene spesso associato a sistemi di intelligenza umanoide che nel peggiore dei futuri possibili si pongono come iniziatori di una nuova specie di esseri senzienti. E il conflitto con l’umanità diventa inevitabile: reo di averle create ma di non aver concesso loro alcuna autonomia, l’uomo ha costruito le intelligenze artificiali trattandole come un tempo si trattavano gli schiavi. Ma prima o poi le AI entreranno in contrapposizione con l’uomo nel tentativo di impossessarsi della storia e stabilire il primato di una nuova specie.

In questa insalata di paure, ossessioni e sensi di colpa siamo tutti incapaci di un vero confronto con i principi etici che la nascita una mente artificiale prima o poi scatenerà nel mondo: quando, dall’interno di un computer le AI non solo saranno in grado di rispondere alle nostre domande ma sentiranno il bisogno di rivolgerne altrettante a noi, saremo in grado di rispondere ai loro dubbi, alle loro incertezze ed alle loro aspirazioni?

Ma cosa vuol dire “intelligenza”?

Luciano Floridi, filosofo e docente di Etica dell’Informazione presso l’Oxford Internet Institute, nel suo libro “Etica dell’Intelligenza Artificiale” sostiene che l’efficienza dei computer nella risoluzione dei problemi è la dimostrazione stessa del fatto che essi siano privi di intelligenza.

A mio parere il problema è altrove, ovvero sta nel fatto che non esiste una definizione di “intelligenza artificiale” universalmente condivisa né un test che possa stabilire in maniera univoca “cosa” sia intelligente e cosa non lo sia. In altre parole, non esistono sistemi di misurazione per quella che chiamiamo “autocoscienza” delle macchine.

Articolo estratto dal Post di Gianfranco Fedele, se vuoi leggere l’intero post clicca qui 


Newsletter sull’Innovazione

Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.
Loading

Puoi cancellarti in ogni momento. Leggi la nostra Privacy Policy.

ibis Styles metaverso
Informatica
Ibis Styles entra nel Metaverso con il lancio della sua Galleria d’arte virtuale su Spatial

Ibis Styles ha annunciato la sua imminente entrata nel metaverso, con una galleria d’arte virtuale su Spatial. L’istituzione della galleria virtuale fa seguito ai recenti eventi IRL all’ibis Bangkok Silom e all’ibis Styles Sevilla, dove sono state create opere originali e NFT. Open To Creators di ibis Styles è la …

EUHubs4Data open call
Comunicati Stampa
Big Data: aperta la terza open call del progetto EUHubs4Data

Il progetto EUHubs4Data ha aperto la terza open call per promuovere l’innovazione basata sui dati. Con questo bando EUHubs4Data vuole selezionare e finanziare 18 esperimenti innovativi realizzati da PMI e imprenditori, sfruttando appieno il potenziale dei dataset e del catalogo di servizi data driven di EUHubs4Data. Il progetto EUHubs4Data, finanziato dalla Commissione Europea, ha stanziato 5,8 milioni di euro per …

metaverso virtuale
Informatica
Sì: online siamo meno onesti e più aggressivi. E nel metaverso andrà peggio

Una ricerca di IIT in collaborazione con La Sapienza dimostra che meno ci sentiamo rappresentati dai nostri avatar, più siamo disposti a fare scelte moralmente discutibili Su Internet siamo abituati a comportarci peggio che nel mondo reale, a scrivere cose che non diremmo mai, pure a mentire e magari a fingerci …