Articoli

L’intelligenza artificiale sta per accelerare il ritmo delle nuove scoperte a un ritmo mai visto prima

Nella sua rituale lettera di previsione, Bill Gates scrive “L’intelligenza artificiale sta per accelerare il ritmo delle nuove scoperte a un ritmo mai visto prima”.

L’importanza di sviluppare applicazioni basate su Intelligenza Artificiale, per la cura delle persone, in zone problematiche del pianeta.

Tempo di lettura stimato: 5 minuti

Secondo il co-fondatore e filantropo di Microsoft Bill Gates nella sua conferenza di fine anno, l’uso di applicazioni di intelligenza artificiale da parte della popolazione generale nei paesi sviluppati come gli Stati Uniti in misura “significativa” inizierà nei prossimi 18-24 mesi. lettera pubblicata la scorsa settimana.

L’impatto su aspetti come la produttività e l’innovazione potrebbe essere senza precedenti, afferma Gates.

“L’intelligenza artificiale sta per accelerare il ritmo delle nuove scoperte a un ritmo mai visto prima”, ha scritto Gates sul suo blog.

Gates, che fa parte della Fondazione Gates da lui fondata con Melinda French Gates, ha concentrato le sue osservazioni nella lettera sugli usi dell’intelligenza artificiale nei paesi in via di sviluppo.

“Una priorità fondamentale della Fondazione Gates nel campo dell’intelligenza artificiale è garantire che questi strumenti affrontino anche problemi sanitari che colpiscono in modo sproporzionato i più poveri del mondo, come l’AIDS, la tubercolosi e la malaria”, ha scritto Gates.

Gates cita molteplici applicazioni di Intelligenza Artificiale in diversi paesi, pur sottolineando che l’implementazione pratica non avverrà quest’anno ma negli ultimi anni di questo decennio.

Inoltre: questi 5 importanti progressi tecnologici del 2023 sono stati i più grandi cambiamenti di gioco

Articoli correlati
Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

“Il lavoro che verrà svolto nel prossimo anno sta ponendo le basi per un massiccio boom tecnologico entro la fine di questo decennio” attraverso l’intelligenza artificiale, ha scritto Gates.

Esempi di applicazioni di intelligenza artificiale

Sviluppata per usi nell’istruzione e nella lotta alle malattie citati da Gates nella sua lettera includono:

  • Combattere la resistenza agli antibiotici, o resistenza antimicrobica (AMR). Un ricercatore dell’Aurum Institute in Ghana, in Africa, sta lavorando a uno strumento software che analizzerà risme di informazioni. In particolare “tra cui linee guida cliniche locali e dati di sorveglianza sanitaria su quali agenti patogeni sono attualmente a rischio di sviluppare resistenza nella zona e dare suggerimenti sul farmaco, sul dosaggio e sulla durata migliori.”
  • Educazione personalizzata basata sull’intelligenza artificiale, come ” Somanasi ” . Un programma software di tutoraggio basato sull’intelligenza artificiale. A Nairobi che “è stato progettato pensando al contesto culturale in modo che risulti familiare agli studenti che lo utilizzano”.
  • Ridurre i rischi durante la gravidanza, dato che in media a livello globale “una donna muore di parto ogni due minuti”. Le soluzioni includono un programma software “Copilot” per operatori sanitari. Sviluppato in India da Armman per infermieri e ostetriche che lavorano per: “migliorare le probabilità di nuove madri in India” e che si adatta al livello di esperienza dell’operatore umanitario.
  • Un chatbot per la valutazione del rischio di HIV che “agisce come un consulente imparziale e non giudicante in grado di fornire consigli 24 ore su 24”. In particolare alle “popolazioni emarginate e vulnerabili” che sono restie a parlare con i medici della loro storia sessuale.
  • Un’app mobile a comando vocale per gli operatori sanitari in Pakistan che consente loro di parlare con la richiesta di compilare una cartella clinica. Quando visitano un paziente sul campo, al fine di colmare il divario in cui “molte persone non hanno alcuna documentazione medica storia.”

Applicazioni locali di Intelligenza Artificiale

Gates pone particolare enfasi sulle applicazioni di intelligenza artificiale che vengono sviluppate nei rispettivi paesi e che presumibilmente saranno più in sintonia con le realtà di quei paesi. Ad esempio, l’input vocale nell’app dei registri sanitari del Pakistan corrisponde alla pratica comune delle persone che inviano messaggi vocali su dispositivi mobili anziché digitarli.

“Possiamo imparare molto dalla salute globale su come rendere l’intelligenza artificiale più equa. La lezione principale è che il prodotto deve essere adattato alle persone che lo utilizzeranno”, ha scritto Gates.

Gates prevede che il mondo in via di sviluppo non sarà molto indietro rispetto al mondo sviluppato nel vedere l’adozione di applicazioni di intelligenza artificiale:

Se dovessi fare una previsione, nei paesi ad alto reddito come gli Stati Uniti, direi che mancano 18-24 mesi a livelli significativi di utilizzo dell’IA da parte della popolazione generale. Nei paesi africani, mi aspetto di vedere un livello di utilizzo paragonabile tra tre anni circa. Si tratta pur sempre di un divario, ma è molto più breve dei tempi di ritardo che abbiamo visto con altre innovazioni.

Letture Correlate

Ercole Palmeri

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Leggi Innovazione nella tua Lingua

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Seguici