Articoli

Che cos’è l’Industria 5.0 ? Differenze con Industria 4.0

Industria 5.0 è un termine usato per descrivere la prossima fase della rivoluzione industriale.

Si concentra sul rapporto tra uomo e macchina nell’industria manifatturiera.

Tempo di lettura stimato: 6 minuti

Che cos’è l’Industria 5.0

Industria 5.0 è un concetto basato sui progressi dell’industria 4.0, in cui si enfatizza l’integrazione di sistemi robotici, l’Internet of Things (IoT) e l’uso dell’analisi dei Big Data per migliorare i processi di produzione.

Tuttavia, l’Industria 5.0 fa un ulteriore passo avanti sottolineando l’importanza del coinvolgimento e dell’interazione umana nei processi di produzione.

Il termine “Industria 5.0” è apparso per la prima volta nel 2017 in un documento accademico intitolato “Industry 5.0-The Human-Technology Symbiosis” di Schuh et al. Gli autori sostenevano che, sebbene l’Industria 4.0 abbia apportato miglioramenti significativi nell’efficienza della produzione, ha anche sollevato preoccupazioni sull’impatto dell’automazione sul lavoro e sulla perdita del coinvolgimento umano nel processo di produzione. Questo tipo di industria mira a rispondere a queste preoccupazioni evidenziando l’importanza della collaborazione uomo-macchina e creando modi più naturali e intuitivi per gli esseri umani di interagire con le macchine.

Pertanto, l’importanza dell’Industria 5.0 è significativa nell’offrire la possibilità di creare un’industria manifatturiera più sostenibile e umana. Ponendo maggiore enfasi sull’elemento umano nel processo di produzione, l’Industria 5.0 può contribuire a creare posti di lavoro più appaganti e gratificanti per i lavoratori e a migliorare le condizioni di lavoro. Offre inoltre il potenziale per creare processi di produzione più efficienti e flessibili, meglio attrezzati per adattarsi alle mutevoli richieste del mercato e alle interruzioni della catena di approvvigionamento.

Perché si chiama Industria 5.0

L’evoluzione dell’industria è stata caratterizzata da grandi rivoluzioni. In questo senso, l’Industria 5.0 fa parte di queste rivoluzioni, riferendosi alla Quinta Rivoluzione Industriale. Storicamente, riconosciamo le seguenti fasi dell’industria:

  • Industria 1.0 : La prima rivoluzione industriale è stata caratterizzata dal passaggio dal lavoro manuale alla produzione a macchina, azionata dall’acqua e dal vapore. Questo periodo vide la nascita delle fabbriche tessili, delle macchine a vapore e del sistema di fabbrica.
  • Industria 2.0: La seconda rivoluzione industriale è stata segnata dall’avvento della produzione di massa e dell’elettrificazione. Le nuove tecnologie come la catena di montaggio, il telegrafo e il telefono permisero la produzione di massa di beni e l’espansione delle reti di comunicazione.
  • Industria 3.0: La terza rivoluzione industriale, nota anche come rivoluzione digitale, ha visto l’adozione diffusa della tecnologia informatica e dell’automazione. Questo periodo ha visto l’emergere dei personal computer, di Internet e dell’automazione di molti processi di produzione.
  • Industria 4.0: La quarta rivoluzione industriale è molto simile all’Industria 3.0 ma caratterizzata principalmente dall’integrazione di sistemi robotici, dall’Internet of Things (IoT) e dall’utilizzo dell’analisi dei Big Data per migliorare i processi produttivi. Inoltre, l’Industria 4.0 evidenzia anche l’uso di robot autonomi, stampa 3D e realtà aumentata per creare sistemi di produzione più flessibili ed efficienti.
  • Industria 5.0: L’industria del futuro è un potenziamento dell’Industria 4.0 di oggi. Si concentra principalmente sulla relazione simbiotica tra uomo e macchina per aumentare le capacità delle persone e migliorare le condizioni di lavoro. Inoltre, enfatizza la sostenibilità e l’uso di tecnologie avanzate come l’intelligenza artificiale e i sistemi di produzione cognitiva per creare processi di produzione più flessibili, adattivi ed efficienti.

Principali caratteristiche dell’Industria 5.0

Di seguito sono riportate le caratteristiche più importanti dell’Industria 5.0:

Sistemi di produzione cognitiva

Utilizza sistemi di produzione cognitivi in grado di imparare dall’esperienza e adattarsi a condizioni mutevoli, portando a processi di produzione più competenti.

Interazione uomo-macchina

Si concentra sulla creazione di modi più naturali e intuitivi per gli esseri umani di interagire con le macchine. Ad esempio, attraverso il riconoscimento vocale e gestuale, migliora la sicurezza e la produttività dei lavoratori.

Articoli correlati
Approccio centrato sull’uomo

L’Industria 5.0 pone una maggiore enfasi sulla collaborazione uomo-macchina, con una tecnologia progettata per aumentare le capacità umane piuttosto che sostituirle.

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.
Tecnologie avanzate

Utilizza tecnologie avanzate come l’intelligenza artificiale, la robotica e l’Internet of Things per creare sistemi di produzione più flessibili, adattabili e sostenibili.

Sostenibilità

Enfatizza la responsabilità ambientale, con processi di produzione progettati per ridurre al minimo gli sprechi e l’inquinamento e per fare un uso efficiente delle risorse naturali.

Quali sono i vantaggi dell’Industria 5.0?

Vantaggi per il lavoratore

La relazione della Commissione europea intitolata “Industria 5.0: verso un’industria europea resiliente, incentrata sulle persone e sostenibile” sottolinea l’importanza delle persone nelle fabbriche intelligenti: “Un prerequisito prezioso per l’Industria 5.0 è che la tecnologia sia al servizio delle persone piuttosto che le persone che si adattano continuamente alla tecnologia in continua evoluzione“.

Il rapporto cita il progetto di ricerca Factory2Fit, che si concentra sullo sviluppo di piani per migliorare la salute e il benessere dei lavoratori. Una di queste strategie ha comportato la creazione di una “fabbrica virtuale” in cui i dipendenti forniscono feedback personali e partecipano a sessioni che identificano potenziali aree di miglioramento e come implementare soluzioni che migliorino la loro qualità sul lavoro.

Vantaggi per l’industria

Sono diversi i vantaggi dell’Industria 5.0 evidenziati dal rapporto dell’UE per le imprese, ma tre spiccano su tutti gli altri: la fidelizzazione di un maggiore e migliore talento umano, il risparmio energetico e una maggiore resilienza. Inoltre, c’è un vantaggio generale a lungo termine, anche il più importante di tutti: la competitività e la pertinenza attraverso l’adattamento industriale ai nuovi mercati e a un mondo in continua evoluzione.

Nel primo caso, l’attrazione e la fidelizzazione dei talenti, vediamo anche una delle principali sfide dell’Industria 5.0. I Millennials e i nativi digitali, che costituiranno il 75% della forza lavoro entro il 2025, hanno preferenze e motivazioni molto diverse rispetto alle generazioni precedenti. Ad esempio, un’alta percentuale di loro considera la responsabilità sociale e l’impegno di un’azienda nei confronti dell’ambiente molto preziosi prima di lavorare con loro.

Affinché un’azienda possa adottare i valori necessari per attrarre questa forza lavoro numerosa e specializzata, deve non solo riadattare i propri processi produttivi, ma anche avviare progetti alternativi alla propria attività, come programmi di volontariato sociale o attività a favore della comunità locale.

Letture Correlate

Ercole Palmeri

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Leggi Innovazione nella tua Lingua

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Seguici