Idrogeno in polvere, la svolta tecnologica della Deakin University

Idrogeno in polvere
Comunicati Stampa
Idrogeno in polvere, la svolta tecnologica della Deakin University

Messo a punto un nuovo processo per separare, immagazzinare e trasportare enormi quantità di gas in modo sicuro e senza sprechi.

Idrogeno in polvere, la svolta meccanochimica per lo storage

Arriva dal mondo “fossile” la nuova scoperta per trasportare e stoccare l’idrogeno in maniera facile e sicura. Come? Trasformandolo in polvere. Gli scienziati della Deakin University, in Australia, stavano cercando un metodo alternativo alla “distillazione criogenica”, processo ad alta energia utilizzato dalle raffinerie per separare il petrolio greggio nei diversi gas per gli usi finali. Ed è così che l’Institute for Frontier Materials dell’ateneo ha messo a punto un metodo meccanochimico a bassa energia per separare e immagazzinare i gas.

L’ingrediente speciale del processo è la polvere di nitruro di boro che, come spiega il dottor Srikanth Mateti, “può essere riutilizzata più volte per eseguire lo stesso processo di separazione e stoccaggio del gas ancora e ancora”. “Non ci sono rifiuti, il processo non richiede sostanze chimiche aggressive e non crea sottoprodotti”, ha aggiunto Mateti. “Il nitruro di boro stesso è classificato come una sostanza chimica di livello 0, qualcosa che è considerato perfettamente sicuro da avere in casa. Ciò significa che puoi immagazzinare idrogeno ovunque e usalo ogni volta che è necessario.”

Durante il processo, il nitruro di boro viene inserito in un mulino a sfere insieme ai gas che devono essere separati. Poiché la camera ruota a una velocità sempre maggiore, la collisione delle sfere con la polvere e la parete della camera innesca una speciale reazione meccanochimica con conseguente assorbimento nella polvere di idrogeno e degli altri gas (uno alla volta grazie a tempi di assorbimento diversi).

Quindi, la polvere può essere trasportata in modo facile e sicuro, e per rilasciare il gas basta riscaldarla sottovuoto.

Per ora il team IFM ha testato il processo su piccola scala, separando da due a tre litri di materiale. Ma sperano che di poter ampliare il progetto pilota e hanno già presentato una domanda di brevetto provvisoria. “Dobbiamo convalidare ulteriormente questo metodo con l’industria per sviluppare un’applicazione pratica”, ha affermato il professor Ying Chen. “Per spostarlo dal laboratorio a una scala industriale più ampia, dobbiamo verificare che sia conveniente, più efficiente e più rapido rispetto ai metodi tradizionali di separazione e stoccaggio del gas”. La ricerca è stata pubblicata su Materials Today.

​  

Idrogeno in polvere, la svolta tecnologica della Deakin University

Newsletter sull’Innovazione

Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.
Loading

Puoi cancellarti in ogni momento. Leggi la nostra Privacy Policy.

unicerca università
Comunicati Stampa
Il supercalcolo per le sfide del futuro

Dalla space economy al clima, dalla fisica fondamentale alle smart city, dall’astrofisica all’ambiente, dall’ingegneria alle scienze molecolari, dalla medicina omica e in-silico al calcolo quantistico: sono questi i settori strategici a servizio dei quali opererà il Centro Nazionale di Ricerca in High Performance Computing, Big Data e Quantum Computing. Oltre …

associazione italiana per la ricerca industriale
Comunicati Stampa
Giornata Airi per l’Innovazione Industriale 2022

Il trenta novembre 2022, a Roma si terrà la giornata per l’innovazione industriale, organizzata da associazione italiana per la ricerca industriale. Dalle ore 10 alkle ore 13 presso Unioncamere (Sala Longhi) Piazza Sallustio, Roma La presidente del Cnr Maria Chiara Carrozza partecipa ai lavori della della Giornata Airi per l’Innovazione …

entanglement
Comunicati Stampa
Dimostrata la correlazione di spin tra elettroni accoppiati

​L’entanglement tra due particelle fa parte di quei fenomeni della fisica quantistica che difficilmente si conciliano con le esperienze quotidiane. Se due particelle sono entangled (si potrebbe dire ‘intrecciate’), alcune loro proprietà restano strettamente legate, anche quando le particelle sono molto distanti. Albert Einstein ha descritto l’entanglement come “un a inquietante azione …