Cosa sono le applicazioni cloud-native, cioè progettate per il cloud. Cose da sapere

applicazione cloud nativa
Articoli
Cosa sono le applicazioni cloud-native, cioè progettate per il cloud. Cose da sapere

Lo sviluppo di app cloud-native è uno degli approcci più promettenti, basato sulla creazione e l’esecuzione di applicazioni utilizzando tecnologie note per il cloud computing.

Quando le aziende creano applicazioni utilizzando un’architettura cloud-native, immettono nuove idee sul mercato più rapidamente e rispondono prima alle richieste dei clienti. Sebbene i servizi di cloud pubblico abbiano influenzato il modo di pensare agli investimenti nell’infrastruttura praticamente in ogni settore, la distribuzione simile al cloud non è esclusiva degli ambienti di cloud pubblico.

Lo sviluppo cloud-native funziona per cloud pubblici, privati ​​e ibridi: riguarda il modo in cui le applicazioni vengono create e distribuite, non dove.

Ma cosa significa esattamente cloud-native? In che modo i team creano applicazioni così moderne? Questo articolo esplora le nozioni di base delle architetture cloud native basate su approcci innovativi come DevOps, distribuzione continua, microservizi e contenitori.

Che cos’è un’applicazione nativa per il cloud ?

Le app cloud-native vengono sviluppate come raccolte di servizi piccoli, indipendenti e ad accoppiamento libero. Sono progettati per offrire un valore aziendale ben riconosciuto, ad esempio la capacità di incorporare rapidamente il feedback degli utenti per un miglioramento continuo. Non c’è da stupirsi se il cloud-native può accelerare il modo in cui si creano nuove applicazioni, si ottimizzano quelle esistenti e si connettono.

L’obiettivo dello sviluppo di app cloud-native è fornire le app desiderate dagli utenti al ritmo delle mutevoli esigenze aziendali. Il “cloud” nelle app cloud native si riferisce al loro design per fornire un’esperienza di sviluppo e gestione coerente tra cloud privati, pubblici e ibridi.

Le organizzazioni adottano il cloud computing per aumentare la scalabilità e la disponibilità delle app. Questi vantaggi derivano dal provisioning self-service, su richiesta delle risorse e dall’automazione del ciclo di vita delle applicazioni dallo sviluppo alla produzione.

Per sfruttare appieno questi vantaggi, i team avevano bisogno di una nuova forma di sviluppo delle applicazioni. Lo sviluppo nativo del cloud è quel nuovo approccio. Consente agli ingegneri del software di creare e aggiornare rapidamente le app, migliorando la qualità e riducendo i rischi. In particolare, è un modo per creare ed eseguire app reattive, scalabili e tolleranti ai guasti ovunque, in cloud pubblici, privati ​​o ibridi.

Cosa rende un’applicazione nativa per il cloud?
  • Si basa su microservizi: i microservizi fanno parte del panorama nativo del cloud. I microservizi suddividono un’applicazione in servizi o moduli indipendenti. Ogni servizio fa riferimento ai propri dati e supporta un obiettivo aziendale separato. Tali moduli comunicano tra loro tramite le API (Application Program Interface).
  • Utilizza contenitori: i contenitori sono un tipo di software che isola logicamente l’applicazione dalle risorse fisiche. I contenitori servono a impedire che i microservizi interferiscano tra loro e consentono anche di eseguire più istanze dello stesso servizio.
  • Comunica tramite API: le API vengono utilizzate per connettere tra loro i microservizi, assicurando che siano ancora liberamente accoppiati e facilmente gestibili. Consentono ai microservizi di comunicare, fungendo da collante tra di loro.
  • È orchestrato dinamicamente: gli strumenti di orchestrazione dei container gestiscono i cicli di vita dei container. Questi possono diventare complessi e gli strumenti di orchestrazione dei container sono disponibili per gestire la gestione delle risorse, il bilanciamento del carico, la pianificazione dei riavvii dopo un errore interno, nonché il provisioning e la distribuzione dei container sui nodi del cluster di server.
App native del cloud Vs. app basate sul cloud

Quando si discutono questi due termini, è importante notare che, sebbene le applicazioni possano essere eseguite su un’infrastruttura cloud pubblica, privata o ibrida, possono differire nella progettazione come segue:

Applicazioni basate su cloud

Queste app sono progettate per utilizzare il cloud e le piattaforme cloud, ma non per sfruttare appieno le caratteristiche chiave del cloud.

Applicazioni cloud native

Queste app sono progettate specificamente per il cloud e sono ottimizzate per le caratteristiche intrinseche del cloud. Sono anche adattabili all’ambiente dinamico del cloud.

Vantaggi delle applicazioni cloud native

Le applicazioni basate su cloud sono scalabili e convenienti, consentendo a un team di aggiungere rapidamente risorse di elaborazione o storage senza sovradimensionare l’hardware. Possono anche essere facilmente aggiornati aggiungendo più microservizi.

Il bello di questo approccio è che gli sviluppatori di quel team non devono preoccuparsi di come il loro modulo interagirà con altri microservizi. La visibilità di questi servizi è maggiore grazie all’isolamento tra di loro. La resilienza è un altro vantaggio. Se un componente di un’applicazione basata su cloud si guasta, non influirà sugli altri componenti perché i contenitori li isolano l’uno dall’altro.

Le applicazioni cloud-native sfruttano l’automazione per distribuire funzionalità e aggiornamenti delle app. I team possono facilmente tenere traccia di tutti i microservizi e i componenti durante l’aggiornamento, semplificandone la gestione.

Tali app sono anche portatili, quindi possono essere eseguite sull’infrastruttura di diversi fornitori senza incorrere in lock-in.

Perché hai bisogno di applicazioni cloud native?

È sicuro dire che il mondo in cui viviamo è diventato digitale. Le aziende hanno bisogno di un’organizzazione IT efficiente per essere in cima a questo mercato affollato. I progressi tecnologici hanno consentito ai team di fornire software più velocemente negli ultimi due decenni. Anche l’automazione, l’integrazione continua e la distribuzione a DevOps e ai modelli di architettura di microservizi servono a questo scopo.

Tuttavia, i team devono ancora attendere che l’infrastruttura diventi disponibile prima di poter rilasciare le proprie applicazioni oi test. Automatizzare il provisioning dell’infrastruttura o fare un passo verso DevOps può essere utile, ma solo se la distribuzione dell’infrastruttura si basa su un team che lavora in remoto e può tenere il passo con la tua velocità.

I recenti progressi nel cloud computing hanno dimostrato che l’infrastruttura può essere resa disponibile su scala quasi infinita. Oggi, i dipartimenti IT sono in grado di fornire la propria infrastruttura alla stessa velocità di un acquisto online. Inoltre, l’infrastruttura cloud è efficiente in termini di costi perché non richiede tonnellate di investimenti di capitale iniziali. Questo tipo di infrastruttura ha vinto tra le startup o i dipartimenti di innovazione in cui le soluzioni che portano rapidamente nuovi prodotti sul mercato sono un biglietto d’oro!

Come si crea un’app nativa per il cloud?

Per promuovere la collaborazione e l’innovazione, è necessario riunire i team di sviluppo e operazioni. Devono avere uno scopo condiviso e scambiarsi feedback regolarmente. L’adozione del container supporta molto bene queste pratiche offrendo un’unità di distribuzione delle applicazioni ideale e un ambiente di esecuzione autonomo.

Con DevOps e container, gli sviluppatori possono rilasciare e aggiornare rapidamente le app come una raccolta di servizi liberamente accoppiati invece di attendere un rilascio di grandi dimensioni.

Lo sviluppo nativo del cloud si concentra sulla modularità di un’architettura, sull’accoppiamento libero e sull’indipendenza dei suoi servizi. Ogni microservizio implementa una funzionalità aziendale, viene eseguito nel proprio processo e comunica utilizzando API (Application Programming Interface). I team possono utilizzare un livello mesh di servizio per gestire questa comunicazione.

Gli sviluppatori possono velocizzare la distribuzione delle applicazioni per le app native del cloud ottimizzando le loro app legacy utilizzando un’architettura basata sui servizi. Usano i flussi di lavoro DevOps per supportare questa ottimizzazione, come integrazione continua e distribuzione continua (CI/CD), distribuzione completamente automatizzata e ambienti di sviluppo standardizzati.

Procedure consigliate per lo sviluppo di applicazioni cloud-native

La progettazione di applicazioni cloud-native si basa sul principio DevOps dell’eccellenza operativa. L’architettura cloud-native non prevede regole univoche e le aziende affronteranno lo sviluppo in modo diverso in base al problema aziendale che stanno risolvendo e al software in uso.

Tutti i progetti di applicazioni cloud-native devono considerare come verrà creata l’app, come verranno misurate le prestazioni, come i team promuoveranno il miglioramento continuo durante il ciclo di vita dell’app e come automatizzare le operazioni, monitorare l’utilizzo e distribuire rapidamente gli aggiornamenti.

Non ci sono linee guida speciali per la progettazione cloud-native e le aziende affronteranno lo sviluppo in modi diversi a seconda della sfida aziendale che stanno cercando di risolvere e del software che stanno utilizzando. Di seguito, troverai alcune best practice.

Ecco alcune best practice del settore per lo sviluppo cloud-native:

  • Automazione: l’automazione consente il provisioning coerente degli ambienti delle applicazioni cloud tra più fornitori di cloud.
  • Monitoraggio: i team devono monitorare l’ambiente di sviluppo e l’utilizzo delle applicazioni. Ciò consente loro di ottimizzare le prestazioni e l’esperienza dell’utente.
  • Documentazione: le applicazioni native del cloud sono in genere create da più team con visibilità limitata del lavoro dell’altro. La documentazione è importante in quanto aiuta i team a tenere traccia delle modifiche e vedere come contribuiscono all’applicazione.
  • Modifiche incrementali: qualsiasi modifica apportata all’applicazione o all’architettura sottostante dovrebbe essere incrementale e reversibile, consentendo ai team di imparare dagli errori testando le proprie teorie.
  • Progettare per il fallimento: gli sviluppatori dovrebbero progettare processi e presumere che le cose inevitabilmente andranno storte in un ambiente cloud. L’ingegneria del caos è una di queste pratiche. I team devono avere un modo per simulare i fallimenti e imparare da essi.
  • Assegnare priorità ai carichi di lavoro per la modernizzazione: i professionisti IT e aziendali devono collaborare per determinare quali applicazioni legacy e greenfield devono essere convertite in cloud native e quanto tempo e denaro richiederà ciascuna conversione.
  • Standardizzazione: gli sviluppatori dovrebbero seguire i principi dei 12 fattori e standardizzare il più possibile la piattaforma e i servizi. Con così tante scelte disponibili, potrebbe essere allettante abbracciare nuove tecnologie e modelli per ogni applicazione. Ma i team intelligenti si conformano ai vincoli della piattaforma e si concentrano su software innovativi piuttosto che reinventare la ruota per ogni applicazione.
In conclusione

L’uso di applicazioni cloud-native ha aumentato l’uso negli ultimi anni e si prevede che diventi il ​​futuro dello sviluppo del software. La creazione di applicazioni cloud native è diventata una direzione nell’IT che è già stata seguita da anni da aziende come Facebook, Netflix e Amazon. La tendenza consente alle aziende di sviluppare e distribuire app in modo più efficiente sfruttando al massimo i servizi cloud. Fornisce inoltre tutti i tipi di funzionalità della piattaforma runtime come scalabilità, prestazioni e sicurezza.

In quale altro modo un’azienda può lasciarsi alle spalle la concorrenza piuttosto che introdurre nuove funzionalità su scala globale, in linea con le esigenze dei clienti? La tua azienda può stare al passo con il ritmo del mondo che cambia o meno. Nel primo scenario, è più probabile che la tua attività sopravviva.

Stai cercando di creare un’applicazione cloud-native? Mettiti in contatto con noi. I nostri esperti hanno molta esperienza in DevOps, microservizi e orchestrazione di container per guidarti attraverso il panorama cloud-native verso il successo.

Cosa sono le applicazioni cloud-native, cioè progettate per il cloud. Cose da sapere

Newsletter sull’Innovazione

Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.
Loading

Puoi cancellarti in ogni momento. Leggi la nostra Privacy Policy.

goovis
Articoli
Idea Brillante GOOVIS Lite: il Cinema in 3D personale e su schermo gigante

GOOVIS Lite, un’idea brillante da un team con una grande competenza nella visualizzazione delle informazioni, nell’ottica delle immagini visive e sulle cuffie AR/VR/MR. GOOVIS Lite: nitidezza delle immagini con 53 PPD (pixel per grado), il numero più alto del settore. Con un peso di soli 7,5 once, GOOVIS Lite è …

Leonardo e Khalifa University lanciano una Cyber Security Academy in UAE
Articoli
Leonardo e Khalifa University lanciano una Cyber Security Academy in UAE

L’azienda italiana e Khalifa University insieme per stabilire ad Abu Dhabi una cyber academy, scuola di alta formazione per la sicurezza informatica Con sede presso la Khalifa University of Science and Technology, la nuova Academy farà leva su competenze e tecnologie di Leonardo per la protezione degli ecosistemi digitali, nonché …

analisi predittiva
Articoli
Cos’è l’Analisi predittiva, e perché è importante negli affari

L’analisi predittiva è necessaria per comprendere il mondo naturale e fare previsioni accurate su di esso. È un approccio basato sui dati che studia come un’azienda e il suo ambiente interagiscono come un sistema. E come può influenzare l’ambiente circostante per raggiungere gli obiettivi prefissati.  Esistono chiari parallelismi tra il modo in …