Informatica

Airbnb ha progettato un innovativo algoritmo di controllo anti-festa, verifiche in corso nel Nord America

Airbnb sta testando una nuova “tecnologia anti-festa” negli Stati Uniti e in Canada mentre tenta di imporre un divieto globale alle feste in casa che ha reso permanente all’inizio di quest’anno.

La tecnologia è progettata per rilevare automaticamente i tipi di prenotazioni che potrebbero comportare feste non autorizzate, esaminando fattori come la cronologia delle recensioni degli ospiti, l’età del loro account, la durata del soggiorno che stanno richiedendo e se Stai prenotando per un giorno feriale o un fine settimana.

La società afferma di aver testato una tecnologia simile in aree selezionate dell’Australia dall’ottobre 2021, dove ha visto un calo del 35% delle feste non autorizzate. In precedenza utilizzava anche un sistema simile negli Stati Uniti da luglio 2020 che si concentra in modo più limitato sugli ospiti di età inferiore ai 25 anni. Con questa tecnologia precedente, agli ospiti più giovani era impedito di prenotare grandi case vicino a dove vivono se non lo facessero avere una storia di recensioni positive. L’ultimo lancio ha un focus molto più ampio, senza menzione di un limite massimo di età.

UN TEST DELLA FUNZIONE HA RISULTATO IL 35% IN MENO DI FESTE NON AUTORIZZATE

Airbnb tenta da anni di reprimere le feste. Nel 2019 ha dichiarato che avrebbe bandito le “feste dalle case” dopo che cinque persone sono morte in una sparatoria a una festa di Halloween in un affitto di Airbnb a Orinda, in California, a cui si pensa abbiano partecipato oltre 100 persone. Nel 2020 ha annunciato un’ulteriore repressione, questa volta a causa della pandemia di COVID. Il timore era che la chiusura di bar e club potesse incoraggiare le persone a rivolgersi alle proprietà di Airbnb come alternativa in un momento in cui il distanziamento sociale era fondamentale. Sebbene la maggior parte delle regole di distanziamento sociale siano state ora allentate, Airbnb ha scoperto che il divieto delle feste era una decisione positiva e ha quindi deciso di tenerlo in vigore.

Articoli correlati
Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Gli ospiti sospettati e bloccati dall’effettuare prenotazioni per ospitare parti non autorizzate potrebbero comunque essere in grado di effettuare una prenotazione alternativa tramite Airbnb, afferma il post di annuncio della società. Potrebbero essere in grado di prenotare una stanza privata piuttosto che un’intera casa, ad esempio, o prenotare un soggiorno in hotel tramite la piattaforma.

Airbnb in precedenza aveva affermato di aver visto un calo del 44% anno su anno nella quantità di rapporti sulle feste dopo aver lanciato il divieto di feste nell’agosto 2020. In totale, afferma di aver sospeso gli account di circa 6.600 ospiti per aver violato il suo anti-partito regole nel 2021, rispetto ai circa 150 milioni di utenti totali che Airbnb ha sulla sua piattaforma.

Ercole Palmeri: Innovation addicted

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Leggi Innovazione nella tua Lingua

Newsletter sull’Innovazione
Non perderti le notizie più importanti sull'Innovazione. Iscriviti per riceverle via e-mail.

Seguici